Riapertura stadi, De Siervo: «No al 25% dei tifosi. Ci arriveremo»

© foto Foto Piero Cruciatti / LaPresse 27-10-2016 Milano, Italia Sport Presentazione del progetto ‘Doppia Difesa’ in Lega Serie A Nella foto: Luigi De Siervo, Maurizio Beretta Photo Piero Cruciatti / LaPresse 27-10-2016 Milano, Italy Sport Launch of the project ‘Doppia Difesa’ in Lega Serie A In the photo: Luigi De Siervo, Maurizio Beretta

L’amministratore delegato della Lega Serie A Luigi De Siervo ha parlato del no del CTS per il 25% dei tifosi sull’ingresso allo stadio

Durante un’intervista a Radio Uno, Luigi De Siervo ha parlato della questione in merito alla riapertura degli stadi, argomento all’ordine del giorno all’interno del panorama calcistico.

LEGGI ANCHE- Riapertura stadi, De Siervo: «Si può e si deve fare»

RIPARTENZA- «Siamo tutti allineati su una ripresa attenta alle curve dell’epidemia. Pensiamo che possiamo avvicinarci al 25% con step intermedi, l’obiettivo è ripartire con buon senso, senza forzare. Il calcio non vuole un trattamento privilegiato, ma nemmeno svantaggiato. Gli stadi sono grandi spazi all’aperto, possiamo distanziare le persone di 10 metri. Settimana scorsa sono stato a Budapest per la Supercoppa Europea: alla Puskas Arena c’erano 16.000 tifosi, sono andato per capire come gestivano i flussi. Si può fare, lo si deve fare con attenzione alle regole. Il 25% non è un dogma, si può partire con una percentuale che salga nel tempo».