Samp, i prestiti costano: quanto spenderà a giugno

ferrero sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

In estate la Sampdoria dovrà decidere sul futuro dei giocatori in prestito: ecco quanto dovrà spendere

Che la Sampdoria abbia fatto il possibile per rafforzarsi in questa sessione di mercato invernale è cosa nota. L’acquisto di Manolo Gabbiadini, investimento da tre milioni di euro con riscatto fissato a nove milioni di euro per un totale di dodici milioni di euro, è la punta di diamante. Ma non è l’unico colpo piazzato: la società doriana ha siglato un nuovo accordo con la Juventus per il riscatto di Emil Audero, togliendo il diritto di recompra e portando l’operazione alla cifra totale di venti milioni di euro. A giugno sarà una delle spese che la società doriana dovrà affrontare, avendo tanti i giocatori non di proprietà. Attualmente in prestito ci sono Junior Tavares (diritto di riscatto fissato a 4 milioni di euro), Alex Ferrari (obbligo di riscatto fissato a 4,5 milioni di euro), Lorenzo Tonelli (obblio di riscatto legato alle presenze fissato a 7,5 milioni di euro), Riccardo Saponara (diritto di riscatto fissato a 9 milioni di euro), Gabbiadini (acquisto definitivo pari a 9 milioni di euro, pagabile in tre rate), Gregoire Defrel (diritto di riscatto fissato a 12,750 milioni di euro), Jakub Jankto (obbligo di riscatto fissato a 15 milioni di euro) e Audero (obbligo di riscatto fissato a 20 milioni di euro).

Non tutti però verranno riscattati: Tavares, fino ad oggi, non ha trovato spazio nell’idea di gioco di Marco Giampaolo e per questo la sua avventura alla Sampdoria dovrebbe terminare a giugno. Stessa sorte, ma per motivi differenti, potrebbe toccare a Defrel che, pur godendo della stima del tecnico doriano, ha un riscatto decisamente alto per le casse blucerchiate. C’è poi il caso Tonelli, il cui l’obbligo è legato alle presenze in campionato. Il difensore centrale piace molto a Giampaolo, ma la Sampdoria vorrebbe ridiscutere la cifra con il Napoli. Al netto dei casi citati, se il club di Massimo Ferrero decidesse di mettere mano al portafoglio per riscattare tutti dovrebbe sborsare ben 81,750 milioni di euro. Ma non sarà così. Le spese certe (legate all’obbligo di riscatto) saranno solo quelle di Audero, Ferrari, Jankto e la prima rata di Gabbiadini per un totale di 42,5 milioni di euro. Ancora incerta la volontà dei blucerchiati per Saponara: nove milioni di euro pesano sulle casse blucerchiato e porterebbero la spesa totale a 51,5 milioni di euro.

Articolo precedente
quagliarella sampdoriaQuagliarella non farà come Hamsik: parola di Giampaolo
Prossimo articolo
gianluca sansone neftci bakuSansone, dalla Sampdoria… all’Azerbaigian!