Connettiti con noi

News

Samp, la salvezza non é impossibile

Pubblicato

su

Fine anno indigesto e complicatissimo quello dei blucerchiati.

La debacle interna con il Lecce prima della sosta per il Mondiale in Qatar getta il panico nell’ambiente doriano. “É un periodo in cui tutto gira male e la sosta è benedetta”. Sono le parole di Nenad Sakic, che prosegue: “La partita l’avevamo preparata bene e non ci aspettavamo questa sconfitta contro il Lecce. Nel primo tempo abbiamo fatto abbastanza bene ma il problema è fare il gol”. Il secondo di Dejan non esclude la delusione e aggiunge: “Io e Stankovic siamo sempre al timone della squadra ma bisogna tirarsi fuori da questa situazione e fare di tutto per ripartire a gennaio. Non è ancora perduto niente, bisogna credere e avere il carattere”. Insomma, la salvezza non è impossibile.

Sulla carta la rosa dei blucerchiati sembrerebbe migliore rispetto a quelle di altre formazioni di A ma i numeri sono impietosi: stando ai dati ufficiali di Transfermarkt, il valore del club è pari a 66,43 milioni, praticamente ultima nella massima serie, preceduta da Spezia (69 mln), Lecce (71,98) e Cremonese (75,15). In estate la Samp ha chiuso il calciomercato in attivo, con +22 milioni frutto di 28 milioni in entrata e 6 in uscita. Tutti in discesa i valori di mercato dei top player blucerchiati. Winks, il cui rientro è previsto a gennaio, è attualmente a 12 milioni, Audero a 6, Villar 4,5, Colley 3,5, Gabbiadini 3 così come Bereszynzki, Sabiri e Vieira. Il rendimento dei singoli e del collettivo è estremamente basso e il numero che più preoccupa è quello del reparto offensivo, in grado finora di segnare solo 6 volte in 15 partite, subendone 27. Del resto anche durante la stagione 2021-22 solo il Venezia aveva effettuato meno tiri per 90’ della Sampdoria 10,21). Le distanze con la quartultima cominciano a diventare preoccupanti. Troppi i passi falsi compiuti finora.

Trovare gli attuali punti di forza della Doria che consentirebbero ai blucerchiati di raggiungere la salvezza a fine campionato diventa ostico. L’unica consolazione attuale è il fattore campo che vive il suo paradosso. La gradinata sud del Marassi, stracolma praticamente ad ogni gara, non ha mai tradito le attese eppure l’ambiente coriaceo, insieme alla fede incrollabile dei supporters dorian,i non è riuscito a scuotere mentalmente una squadra in totale crisi d’identità. La sosta mondiale, per Sakic, potrebbe essere l’occasione per rallentare le pressioni, staccare la spina, fare quadrato, ricominciare un nuovo campionato a mente sgombra. Del resto la Sampdoria manderà in Qatar solo Sabiri e Djuricic, il cui cammino con le nazionali di Marocco e Serbia dovrebbe durare poco al punto da consentire subito il rientro a Genova di entrambi. La speranza è di evitare infortuni.

Insomma, le reali chance di salvezza di Caputo & co. sono indubbiamente basse, considerando l’andamento di una squadra dove il migliore in pagella, secondo fantacalcio.it, è Djuricic con una media di 5,73 in 15 partite giocate. Per farsi un’idea concreta e plausibile sulle possibilità di permanenza in A può essere senz’altro utile verificare le quotazioni aggiornate dei principali bookie relative alla retrocessione. I portali di betting tradizionali e i nuovi siti scommesse mettono già a disposizione dei tifosi le quote della possibile discesa agli inferi e numerosi punti di vista sulle potenzialità future e sulle prossime gare dei blucerchiati, che nonostante il momento no, spesso vengono dati favoriti nei match clou in chiave salvezza.

In tutto questo clamore sportivo e mediatico, spunta di nuovo il nome di Massimo Ferrero che in un’intervista al Secolo XIX ha dichiarato: “Questa situazione mi fa soffrire. Ricordo a tutti che io avevo portato campioni come Skriniar, Muriel, Correa, Schick”. E aggiunge: “Voglio salvare il club”, tornando praticamente alla guida dei blucerchiati. Ferrero, rinviato a giudizio al termine di un’inchiesta relativa al fallimento di alcune sue aziende, si augura quindi di tornare al timone della Samp. Per l’ex presidente la situazione economica e sportiva del club è totalmente precipitata negli ultimi mesi, ragion per cui sarebbe disposto a rimettersi in gioco in prima persona per trovare le risorse economiche necessarie ad andare avanti fino a fine stagione e rinforzare la Samp. Innesti di nuovi calciatori nel mercato di gennaio: almeno sei, secondo Ferrero. La posizione dei tifosi, tuttavia, è ferrea. Durissima la contestazione ai suoi danni da parte dei supporter nella gara del 7 ottobre al Marassi contro la Roma. L’ex presidente non è affatto gradito.

Parlare di salvezza allo stato attuale non è impossibile, semplicemente perché il campionato è ancora molto lungo, ma il trend deve essere stravolto. Sakic è consapevole che: “a livello mentale siamo in difficoltà. Purtroppo è un periodo dove tutto gira male. Adesso c’è la sosta benedetta che ci farà bene per riorganizzare le idee e fare le valutazioni con i calciatori che rimangono a disposizione del tecnico. Ci sono giocatori che hanno reso meno delle aspettative”. Collettivo e singoli. Per Stankovic non sarà una sosta. Sarà un banco di prova quasi più difficile di un mese ordinario di campionato.

Sampdoria News 24 - Registro Stampa Tribunale di Torino n. 44 del 07/09/2021 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 - PI 11028660014 Editore e proprietario: Sportreview s.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a U.C. Sampdoria S.p.A. Il marchio Sampdoria è di esclusiva proprietà di U.C. Sampdoria S.p.A.