Samp – Lazio: Lulic a rischio, possibile maxi-squalifica

lulic
© foto www.imagephotoagency.it

Sampdoria – Lazio è il prossimo match di calendario e la squadra di Inzaghi, oltre a Cataldi, espulso dalla panchina per la diatriba con Strootman, potrebbe perdere anche Senad Lulic

Senad Lulic non c’è andato leggero, nel post partita del Derby della Capitale. La situazione era tesa, la sua squadra aveva appena perso per 2-0 contro la Roma, c’era stata l’espulsione di Cataldi per il gavettone di Strootman. Insomma non era sicuramente un clima sereno, anzi sul fuoco che già divampava il centrocampista biancoceleste ha pensato  bene di buttare altra benzina sul fuoco nelle dichiarazioni post partita.

“RUDIGER VENDEVA CALZINI”, LA FRASE INCRIMINATA – Sul banco degli imputati adesso si trova proprio Lulic che rischierebbe fino a dieci giornate per la frase proferita in zona mista al termine del match: «Due anni fa a Stoccarda vendeva calzini e cinture e adesso fa il fenomeno. Non è colpa sua, è colpa di quelli che stanno intorno a lui e che fanno crescere un ragazzo maleducato».  Sarebbe una squalifica pesante se dovesse essere riconosciuta l’accezione razzista in essa contenuta dal giudice sportivo, ma il responso si saprà solo domani. C’è da dire che nelle successive interviste realizzate, ai giornalisti che gli chiedevano conto di quella sua affermazione, Lulic aveva placidamente risposto che non avrebbe chiesto scusa a Rudiger perchè anche i bianchi vendono calzini sottintendendo che non fosse stato un commento razzista il suo. Nessun intento razzista e niente scuse dirette nella retromarcia fatta dal centrocampista della Lazio, ma la società di Lotito, tramite il suo sito ufficiale, ha comunque deciso di porre le sue scuse per l’accaduto.
La parola a questo punto passa al giudice sportivo, come riporta la Gazzetta dello Sport, che dovrà stabilire l’entità della sanzione da comminare. C’è anche un precedente , quello di Alberto Grassi, che per una frase dai connotati analoghi venne sanzionato proprio con dieci giornate di squalifica. Si aspetta solo il responso del giudice sportivo per sapere se sarà presente per il match contro la Sampdoria, in programma per il 10 dicembre.