A Torino per stupire: un episodio incoraggia la Sampdoria

samp sampdoria esultanza juventus
© foto www.imagephotoagency.it

I precedenti parlano nettamente in favore della Juventus: la Sampdoria per sperare può però appellarsi a un episodio successo in passato

Domenica alle 18 la Sampdoria sarà ospite della Juventus all'”Alianz Stadium”: una partita sulla carta quasi proibitiva per i blucerchiati, dato che la squadra di Allegri avrà bisogno dei tre punti a tutti i costi per tenere lontano il Napoli nella corsa allo Scudetto. I bianconeri arriveranno però dalla partita di Champions contro il Real Madrid, gara che potrebbe non servire dato il vantaggio accumulato dai blancos all’andata – 0-3 – ma che Higuain e compagni giocheranno comunque al meglio delle proprie possibilità perlomeno per non sfigurare, con la possibilità di arrivare più stanchi fisicamente e mentalmente all’appuntamento di domenica pomeriggio.

Per quanto riguarda i precedenti, inutile sottolineare come le statistiche pendano in favore dei Campioni d’Italia: su un totale di 128 incontri ufficiali, i bianconeri hanno alzato le braccia al cielo in 65 occasioni contro le 26 dei blucerchiati, a fronte di 37 pareggi. Se ci si concentra sulle partite giocate in casa della Vecchia Signora, la musica non cambia: in 59 matches giocati fra “Delle Alpi”, “Olimpico” e “Stadium” le vittorie della Juve sono 35 contro 5 della Sampdoria: 19 i pareggi. L’ultima vittoria doriana risale al campionato 2012/13, quando un giovanissimo Icardi ammutolì lo “Juventus Stadium” con una doppietta, ribaltando il vantaggio iniziale di Giovinco e annullando l’inferiorità numerica per espulsione di Berardi. Il fatto curioso è che la gara giocata a “Marassi” nella stessa stagione terminò 3-2 per i blucerchiati, stesso punteggio di quest’anno. Insomma, contro una corazzata come la Juventus, aggrapparsi anche ad eventuali corsi e ricorsi storici è anche legittimo.

Articolo precedente
Sampdoria tifosiVerso Juventus-Sampdoria: l’elenco dei pullman per Torino
Prossimo articolo
giampaolo allegriGiampaolo, batti Allegri: il club dei cinque ti aspetta