Sampdoria-Benevento, pronti e via: Giampaolo ha le idee chiare

Sampdoria Benevento
© foto Valentina Martini

Il tecnico organizza la solita formazione per l’esordio in campionato contro il Benevento: unico ballottaggio sulla sinistra

Ci siamo, sta per cominciare la Serie A 2017/18. La Sampdoria scalpita per iniziare al meglio quest’avventura davanti al proprio pubblico, un “Ferraris” che vorrebbe una vittoria contro il Benevento per dar seguito alla buona prestazione in Coppa Italia con il Foggia. Il tecnico Giampaolo non ha dubbi, se non uno lieve sulla sinistra con Pavlovic in vantaggio su Murru. Puggioni in porta, dunque, Sala sulla destra e la coppia centrale Silvestre-Regini, mentre Ferrari partirà dalla panchina. A centrocampo Torreira in cabina di regia, affiancato da Barreto e Praet. Sulla trequarti fiducia ad Alvarez perché Ramirez non ha ancora i novanta minuti nelle gambe, in attacco ci sarà Quagliarella ad assistere Caprari, malgrado i problemi muscolari occorsi in settimana.

Al 4-3-1-2 blucerchiato si opporrà il consueto 4-4-2 di contenimento di Baroni. Tra i pali Belec, al centro della difesa l’esperto Lucioni e l’ex doriano Costa. Laterale basso di destra Letizia, laterale basso di sinistra Venuti, considerato favorito su Di Chiara. Centrocampo stabile con Cataldi e Viola a fare da tramite, sarà fondamentale sfruttare la rapidità sulle fasce di Ciciretti e D’Alessandro. Attenzione, là davanti, a Puscas e Coda: il forfait di Ceravolo a causa del mercato ridimensiona notevolmente il reparto offensivo giallorosso, che proverà comunque a mettere alla prova la linea di difensori della Sampdoria.

SAMPDORIA (4-3-1-2): Puggioni; Sala, Silvestre, Regini, Pavlovic; Barreto, Torreira, Praet; Alvarez; Caprari, Quagliarella. Allenatore: Giampaolo.

BENEVENTO (4-4-2): Belec; Letizia, Lucioni, Costa, Venuti; Ciciretti, Cataldi, Viola, D’Alessandro; Puscas, Coda. Allenatore: Baroni.

Articolo precedente
Zapata SampdoriaNapoli e Samp studiano l’affare Zapata: previsto incontro con gli agenti
Prossimo articolo
Murru e il salto di qualità: con Giampaolo si può