Bereszynski ci crede: «Devo sudarmi il posto. Linetty? Vuole fare di più»

bereszynski sampdoria
© foto Valentina Martini

Il terzino polacco sente la fiducia dell’ambiente e parla dei polacchi: «Linetty vuole fare di più, Kownacki sa che deve imparare»

Gli sono bastati pochi scampoli della partita contro la Fiorentina per dimostrare quanto non fosse riuscito a fare nel corso della precedente stagione. Bartosz Bereszynski è ormai diventato la prima scelta di Marco Giampaolo sulla fascia destra, sintomo del netto miglioramento rispetto al compagno di reparto Jacopo Sala. La concentrazione, però, deve restare alta: «Sono sempre stato tranquillo, in rosa ci sono due o tre giocatori per ruolo e la competizione è necessaria. Non ho mai avuto le valigie pronte, ho sempre avvertito la fiducia della squadra e dell’allenatore, mi è stato detto che avrei dovuto lottare per il posto e non mi sono mai tirato indietro davanti alle difficoltà. Ho giocato a Firenze, Verona e di nuovo contro il Milan, ma niente è gratis in Serie A. È meglio crescere lentamente che cadere velocemente».

Il terzino polacco volge l’attenzione alla squadra, più forte e compatta, e commenta le prestazioni finora offerte dai connazionali Linetty e Kownacki: «L’anno scorso eravamo giovani, adesso con Zapata e Strinic siamo più equilibrati. Pensiamo all’Europa League, è vero, ma non dobbiamo cadere nell’euforia di non perdere mai – ammette Bereszynski ai microfoni di przegladsportowy.pl. Linetty ha giocato qualche minuto, ma vuole fare di più. Kownacki è giovane e davanti ha tre top player come Quagliarella, lo stesso Zapata e Caprari. Sono costati tanto, dunque lui deve imparare e finalizzare ogni piccola possibilità che riceve. Ha già segnato un gol al debutto in Coppa Italia, saprà farsi valere».