Sampdoria, Ferrari: «È stata dura, ma ora sto bene» – VIDEO

Sampdoria, Ferrari vicino al rientro in gruppo. Il difensore fa il punto della situazione: «È stata dura, ma ora sto bene» – VIDEO

Il difensore della Sampdoria Alex Ferrari fa il punto della situazione ai microfoni ufficiali del media blucerchiato: l’infortunio, l’emergenza Coronavirus, il ritorno in campo e la Serie A.

INFORTUNIO – «Sto bene adesso, devo solo finire queste due settimane e spero di aggregarmi al gruppo il prima possibile. È stato un bel colpo. Stavo vivendo il mio anno, avevo iniziato a giocare. È stata dura da digerire. Con l’aiuto dei tifosi mi sono messo in testa che dovevo tornare il prima possibile. Il 2 gennaio mi sono operato e una settimana dopo ho iniziato la riabilitazione a Bologna ma dopo neanche un mese c’è stato il lockdown e ho dovuto interrompere le terapie».

SOLITUDINE – «Dopo un po’ è pesante come situazione. Ero in contatto con tante persone, mi tenevo impegnato pur stando a casa. Una pandemia non fa piacere. Ho avuto sfortuna perché mi sono rotto il crociato ma nella sfortuna il campionato si è allungato, dandomi l’opportunità di provare a rientrare».

CAMPIONATO – «Non siamo abituati a giocare ogni tre giorni, soprattutto durante l’estate con le temperature che ci saranno, per me sarà dura. Faremo del nostro meglio per portare a casa l’obiettivo».

SQUADRA – «Sono stato lontano e non li ho visti per tanto tempo. Ora li ho visti pronti. Quando sono tornato mi sono reso conto dell’aumento della qualità. Ora abbiamo un modo di giocare che prima non c’era, forse è arrivata la consapevolezza e la tranquillità. Questo ci potrà aiutare».

TIFOSI – «Non sarà facile perché non siamo abituati a tutto questo. Senza la spinta della Sud sarà ancora più difficile ma ai tifosi dico di starci sempre vicini, anche se in questo momento non potranno essere presenti allo stadio e gli prometto che raggiungeremo il nostro obiettivo. Mi hanno dato tanto i tifosi fin da quando sono arrivato, hanno creduto in me. In trasferta sfrutteremo il fatto che nemmeno gli avversari avranno i tifosi».

INTER E ROMA – «Due impegni difficili, ma le difficoltà ci sono per tutti. Dobbiamo essere pronti e portare a casa più punti possibili».