Sampdoria, Marani: «Ranieri ha iniziato a vincere quando parlò dopo Benevento»

esultanza gol linetty sampdoria spal
© foto www.imagephotoagency.it

Il giornalista Matteo Marani ha analizzato la terza vittoria consecutiva della Sampdoria e l’andamento dei blucerchiati in questo inizio di stagione

Il giornalista Matteo Marani, negli studi di Sky Sport, ha analizzato l’andamento della stagione della Sampdoria, i meriti di mister Claudio Ranieri e i possibili obiettivi della formazione blucerchiata.

AMBIZIONI- «La Sampdoria può avere buone ambizioni, in questo momento ha già sei punti in più di un anno fa e già qualcosa vuol dire. È una squadra cresciuta con alcuni interpreti che secondo me hanno alzato molto il livello della squadra anche in termini di esperienza e personalità». 

RANIERI E QUAGLIARELLA- «Ranieri ha iniziato a vincere queste tre partite quando parlò dopo Benevento, il grande equilibrio di Ranieri è stata una delle chiavi di volta di questa Sampdoria, oltre alla qualità dei nuovi innesti. Quagliarella è già al quarto goal, l’anno scorso ha vissuto una stagione un po’ particolare, undici reti di cui la gran parte nel girone di ritorno, partì lento, stavolta è partito subito forte».

ESPERIENZA- «Dietro la Sampdoria e quadrata, ha esperienza, sa stare con le linee strette. Thorsby è un elemento importantissimo, Yoshida e Tonelli danno garanzie e sicurezza, davanti ha qualità. Un giocatore come Ramirez ha un tocco che è una meraviglia. Hai lui, Quagliarella, rientra Keita Balde, avrai Candreva che ti porterà un po’ di goal. L’anno scorso la Sampdoria aveva un brutto numero, quello dei giocatori andati a segno, solo otto ed era l’unica assieme alla Spal, quest’anno quel numero sta invece aumentando tanto».