Sampdoria, operazione distacco: il calendario ti aiuta contro il Milan

Sampdoria quote
© foto Valentina Martini

Il Milan ha raggiunto la Sampdoria al sesto posto, ma i blucerchiati potranno distaccare i rossoneri nel prossimo mese: ecco i calendari a confronto

Domenica sera il Milan, con la vittoria di “San Siro” ai danni della Sampdoria, ha raggiunto proprio i blucerchiati in classifica, a quota 41 punti, raggiungendo il sesto posto. Si prevede dunque un bel testa a testa fino alla fine del campionato fra la compagine genovese e quella milanese, una lotta che sarà anzitutto mentale, che richiederà tenuta psicologica, nervi saldi e capacità di non sbagliare le partite importanti, qualità della quale, storicamente, la Sampdoria ha un po’ difettato. Per cercare di avere la meglio contro i rossoneri in questo testa a testa nel quale potrebbero poi inserirsi come terza e quarta incomoda Atalanta e Torino, sarà importante il calendario delle due squadre, un calendario che, per il prossimo mese, sembra decisamente sorridere alla Samp.

Se infatti i blucerchiati giocheranno domani a Genova con l’Udinese – non più in splendida forma come nelle prime partite della gestione Oddo, ma pur sempre una squadra pericolosa -, poi a Bergamo contro un’Atalanta certamente forte, ma probabilmente provata dal doppio impegno con la Juventus fra campionato e Coppa Italia, e poi a Crotone, in casa contro un’Inter in caduta libera e poi a Verona contro il Chievo, i rossoneri avranno un calendario ben più fitto e impegnativo, almeno sulla carta: domani sera affronteranno la Roma all'”Olimpico”, mercoledì ci sarà il ritorno della semifinale di Coppa Italia contro la Lazio, poi il derby di campionato contro l’Inter e il doppio impegno di Europa League contro l’Arsenal – partite di prestigio, impegnative dal punto di vista fisico e mentale -, intervallate dal match contro un Genoa in gran forma al “Ferraris”. Insomma, le possibilità per cercare di distaccare il Milan, la Sampdoria le avrà: naturale però che i blucerchiati debbano prima guardare a se stessi e a cercare di non dipendere dai risultati delle altre: una filosofia da applicare, questa, a partire da domani, quando si dovrà battere l’Udinese senza fare calcoli.