Connettiti con noi

Gli Ex

Bonetti: «La mia Sampdoria fece un’impresa. Vialli trasmette forza»

Pubblicato

su

Ivano Bonetti, ex giocatore della Sampdoria, ha parlato del passato blucerchiato, soffermandosi su Mancini e Vialli. Le sue dichiarazioni

Ivano Bonetti, ex calciatore della Sampdoria, ha parlato del suo passato blucerchiato, di Gianluca Vialli, di Roberto Mancini e di EURO 2020. Le sue dichiarazioni a 1 Station Radio.

PASSATO SAMPDORIA – «Nella mia carriera ho vissuto delle bellissime esperienze in Italia e all’estero con dei ritorni romantici a Bologna, Brescia e Sampdoria. Ho lasciato una grande opportunità come allenatore per la famiglia, è stato un peccato perché in seguito ho capito che avrei potuto fare entrambe le cose. La mia Sampdoria fece un’impresa, riuscimmo ad abbattere l’egemonia delle milanesi, della Juventus e del Napoli di Maradona. Era una squadra di qualità, con l’età giusta e portava a casa tutti gli anni dei trofei. Le altre avevano degli stranieri fenomenali, noi avevamo un grandissimo presidente che riuscì a costruire una squadra importante. Alla base delle vittorie c’è il gruppo, ma allo stesso tempo sono importanti anche le individualità. Era importante avere entrambe le componenti in quegli anni per poter vincere la Serie A. Eravamo tutti cattivi, brevilinei e di fantasia».

MANCINI – «Mancini ha ereditato qualcosa da Boskov? Roberto era già un allenatore lungimirante, ama la personalità importante, riesce a farsi stimare. La cosa più difficile che ha fatto con la Nazionale è stata creare un gruppo di giocatori di qualità medio-alta senza un fuoriclasse assoluto, ma sfruttando i giocatori nelle loro posizioni ideali. Inoltre, si è circondato anche di collaboratori che pensano e vivono la situazione come lui».

EURO 2020 – «L’Italia si è costruita da sola la possibilità di vincere. Fanno divertire, giocano a calcio, e se non dovessero vincere non importerebbe. Ha tutte le carte in regola per poter arrivare alla fine della competizione».

VIALLI – «Ha permesso a Roberto di dividere le responsabilità, lo ha migliorato caratterialmente e gli ha dato tanto supporto morale. Gianluca riesce a dare forza agli altri. Sono felice che abbiano ricostruito questa grande coppia, si aiuteranno a vicenda in qualsiasi momento».