Sampdoria, sei sul Guardian: «La Champions League non è fantascienza»

sampdoria the guardian
© foto www.imagephotoagency.it

Il quotidiano inglese The Guardian elogia l’operato della Sampdoria: centrocampo di qualità a basso costo e una Champions League che non è poi così lontana dalla realtà

Un avvio strepitoso, quello con cui la Sampdoria ha saputo stupire quest’anno le concorrenti di Serie A. 23 punti in 11 gare, con una ancora da recuperare, ma da sabato sera è stata scritta una nuova pagina di storia del club: Marco Giampaolo, battendo il Genoa per 2-0, è diventato il primo allenatore blucerchiato a vincere consecutivamente in campionato ben tre Derby della Lanterna. Un gioco che diverte, che unisce solidità difensiva a un ottimo score realizzativo, e la voglia di vincere che sembra non passare mai a questa Sampdoria, incappata soltanto nei KO di Udine e Milano. Se in Italia già tutti si sono accorti delle prodezze compiute – c’è chi parla addirittura di “giampaolismo” -, anche dall’estero stanno cominciando ad arrivare i primi elogi: l’autorevole quotidiano inglese The Guardian ha infatti dedicato interamente un articolo alla Samp, scrivendo della stracittadina nuovamente conquistata e dell’interessante linea fin qui portata avanti dalla dirigenza. Tanti giovani in squadra, molti dei quali a basso costo – i riferimenti vanno in particolare all’entusiasmante trio di centrocampo formato da Linetty, Torreira e Praet – e obiettivi ambiziosi. Lo stesso Giampaolo, al termine del match contro il Genoa, aveva parlato di “fantascienza” riferendosi a una possibile conquista del quarto posto, e quindi l’accesso ai preliminari di Champions League: il Guardian, nonostante approvi il low profile mantenuto dal tecnico, è più ottimista verso questa ipotesi. «E’ davvero un traguardo impossibile? La prossima partita contro la Juventus farà capire di più – si legge -. Anche una vittoria contro i campioni in carica sembrerebbe uno scenario da film fantascientifico ma, dopo tutto, alla guida del club c’è un produttore cinematografico».