Sampdoria, Thorsby conferma: «Coronavirus? Circa 10 positivi»

sampdoria thorsby
© foto www.imagephotoagency.it

Thorsby sulla situazione alla Sampdoria: «Coronavirus? Circa dieci positivi»

Morten Thorsby ha riavvolto il nastro dell’ultimo periodo in casa Sampdoria, quando è scattato l’allarme per il Coronavirus: «La scorsa settimana è iniziata con un giocatore positivo nella nostra squadra, Gabbiadini. Non si sentiva bene, era già stato esentato dall’allenamento. Si è sottoposto al test lunedì sera e martedì si è scoperto che era positivo, purtroppo. Chiunque in squadra sapeva di essere in pericolo – ammette il centrocampista blucerchiato durante un podcast della web tv olandese FC Afkicken – ma io non sentivo niente. Mercoledì pomeriggio mi sono sentito un po’ peggio e alla fine sono risultato positivo anch’io, insieme ad altri tre o quattro compagni giovedì».

«Se è successo tutto velocemente? Sì. Mi sentivo abbastanza bene e c’erano pochi sintomi all’inizio. Se prima non fosse risultato positivo un mio compagno, penso che non mi sarei sottoposto al tampone. I sintomi sono mal di testa, febbre e qualche dolore muscolare. Ti senti un po’ stanco durante il giorno. Ma va bene, i sintomi non sono così gravi come quelli di un normale virus influenzale.

«Non mi sento molto male, anche se per 5-6 giorni mi sono molto meno bene del solito. Abbiamo una chat di gruppo con tutti i giocatori e tutti hanno gli stessi sintomi. Alcuni giocatori sono risultati ancora negativi e alcuni hanno fallito il test perché si sentono bene. Penso che finora circa dieci ragazzi siano risultati positivi da noi». Thorsby non sembra preoccupato: «Quando sei giovane e sano, il virus non è così pericoloso e lo vivi come una normale influenza».