Connettiti con noi

Hanno Detto

Fallico: «Sampdoria Women un sogno. All’esordio non respiravo»

Pubblicato

su

Sampdoria Women, Bianca Fallico (centrocampista blucerchiata classe 1999) ha parlato ai canali ufficiali della società: le sue dichiarazioni

Bianca Fallico, centrocampista della Sampdoria Women classe 1999, ha parlato ai canali ufficiali della società. Ecco le sue dichiarazioni.

RICORDI – «Sono nata a Genova e il quartiere Borgo Ratti è dove giocavo con i miei compagni e con i miei fratelli. E’ un luogo che mi da molti ricordi positivi e mi ricorda il mio primo approccio al calcio. Mi emoziona molto rivedere questo luogo perchè mi fa pensare da dove sono partita e quanti sacrifici ho fatto e ha fatto la mia famiglia. Mio padre mi ha spinto verso questo sport, non ho mai avuto difficoltà perchè la mia famiglia mi ha sempre supportato e mi portavano in ogni parte, anche lontano da casa. Sono stata fortuna, il 70% degli obiettivi che ho raggiunto è merito loro».

CALCIO – «Per me il calcio prima di tutto è una passione fin dai primi calci che ho tirato al pallone per me è stata un’emozione unica. Oltre ad essere una passione sicuramente è anche un modo di scaricare e di uscire un po’ dai problemi e da tutte le cose che potrebbero non andare fuori dal calcio, è qualcosa di liberatorio. Ho iniziato a giocare a 5 anni grazie a mio fratello che andavo a vedere mentre si allenava e da li è nata tutta la mia passione. Ho iniziato a giocare con i maschi con cui ho giocato fino alla terza media. Non ho mai avuto problemi di compagni che mi prendevano in giro, anzi ho sempre avuto un grande gruppo».

TORNEO RAVANO – «Ho partecipato a questo torneo a Genova. E’ un torneo che viene organizzato per i bambini e le bambine delle scuole elementari. Penso che sia un torneo che h avvicinato molto ragazze, compresa me, al gioco del calcio. Da lì ho capito sempre di più che il calcio sarebbe stata per me un passione che sarebbe durata negli anni».

SAMPDORIA – «Rappresentare la Samp, la squadra della mia città, è un motivo di grande orgoglio e un grande soddisfazione per gli sforzi che sono stati fatti».

SERIE A – «E’ il primo anno, l’anno scorso ho giocato in Serie C con il Campomorone. Sicuramente è una grande emozione l’esordio in Seria A, non saprei neanche descriverla. Penso di non aver respirato i primi dieci minuti della partita dalla felicità e anche dall’ansia».

PRIMO GOL – «E’ stata un emozione grande la prima rete contro la Fiorentina. Appena mi sono girata, mi sono trovata tutte quante ad abbracciarmi».

ITALIA – «La convocazione in Nazionale Under 23 è stata inaspettata, è stata un sorpresa in positivo. Qualcosa di veramente incredibile che non avrei mai pensato di poter raggiungere. Spero di poter continuare a vivere queste emozioni».

SOGNO – «Il mio sogno nel cassetto è sicuramente cercare di esordire con la Nazionale maggiore, ma comunque per me la Sampdoria è un sogno. E’ una cosa a cui non avrei mai pensato. Teniamo i piedi per terra e cerchiamo di ottenere i risultati migliori possibili adesso».