Serie A, come funziona l’algoritmo per calcolare la classifica

Serie A
© foto www.imagephotoagency.it

Serie A, i criteri e la formula dell’algoritmo che deciderà la classifica finale in caso di nuovo stop al campionato

In caso di un ulteriore nuovo stop del campionato di Serie A, la classifica finale verrà determinata tramite un algoritmo che non prevede l’assegnazione dello Scudetto, ma la solamente le qualificazioni europee e le retrocessioni in Serie B.

I CRITERI – Verranno utilizzati diversi criteri per effettuare la valutazione: il numero delle giornate validamente disputate dalla squadra, in casa e in trasferta. I punti totali raccolti nel campionato con attenzione a quanti siano stati fatti in casa e quanti in trasferta. Numero di partite ancora da disputare e differenza reti, sempre con il dettaglio casa/trasferta.

ELEMENTI DI CALCOLO – La finalità è valorizzare il più possibile il merito sportivo. I tre elementi sono: punti in classifica conquistati in gare valide; media punti, rapporto tra punti conquistati e gare giocate; indice di redditività delle reti, rapporto tra reti segnate e punti conquistati. I punti conquistati concretamente avranno un peso maggiore (100%), mentre la media punti sarà ponderata (90%), la redditività delle reti peserà solo per il 10% nella formula finale.

FORMULA – È sostanzialmente un’addizione. I punti conquistati, più la proiezione dei punti (restanti gare in casa più le restanti gare in trasferta, moltiplicate per la media punti e valutate al 90%), più la proiezione dei punti sulla base della redditività delle reti, daranno la classifica finale.