Serie A, Spadafora: «Lunedì riceverò il protocollo per la ripresa del campionato»

spadafora ministro sport
© foto www.imagephotoagency.it

Il ministro Spadafora annuncia il protocollo per la ripresa del campionato di Serie A e le misure a sostegno dello Sport

Il ministro per lo Sport Vincenzo Spadafora ha rilasciato una intervista ai microfoni di Rai Uno. Diversi i temi trattati: la riapertura delle palestre, il piano di rilancio dello sport fino alla Serie A.

PALESTRE – «Con le cautele necessarie è sicuro che ripartiranno. C’era questo desiderio enorme da parte di tantissimi italiani e adottando tutti i protocolli è importante e possibile riprendere l’attività fisica».

RILANCIO DELLO SPORT – «Metteremo a disposizione un sostegno a fondo perduto per tutti i centri. Molte strutture sono state chiuse per tre mesi e hanno subito forti perdite. In questi tre mesi abbiamo aiutato i collaboratori sportivi con un bonus di 600 euro, già è arrivato quello di marzo e poi automaticamente arriveranno quelli di aprile e maggio».

SERIE A – «Abbiamo pubblicato il protocollo che consente alla FIGC e alle squadre di Serie A di riprendere gli allenamenti collettivi, c’è il definitivo ok del Comitato Tecnico-Scientifico. Lunedì 25 riceverò il protocollo per la ripresa del campionato. Lo trasferirò immediatamente al Cts per fare in modo che nell’incontro di giovedì 28 si possa già avere un orientamento sulla questione. Avremo in quella data la certezza se ci sono le condizioni per ripartire».

OTTIMISMO – «Ho detto un secco no quando continuavamo a contare centinaia di morti e, in quel momento, era assurdo chiedere quando sarebbe ripreso il campionato. Ma ora sono ottimita, se riparte il paese è chiaro che deve ripartire il calcio. Voglio ribadire che senza la prudenza non saremmo andati da nessuna parte».

MOVIDA – «Emotivamente non posso non comprendere i ragazzi dopo due mesi e mezzo in cui sono stati bravissimi. Dall’altra parte però tutti i sacrifici non vanno sprecati. Bisogna riprendere, ma rispettando le regole e con le giuste precauzioni».