Sos calci d’angolo: Giampaolo vara nuove soluzioni

giampaolo sampdoria
© foto Valentina Martini

La Sampdoria fatica a segnare sui calci d’angolo: Giampaolo studia nuovi metodi per aumentare la pericolosità dei corner a favore

C’è un aspetto riguardante la fase offensiva della Sampdoria che, ciclicamente, viene ricordato come uno di quei talloni d’Achille sui quali il tecnico doriano Marco Giampaolo deve intervenire. Si tratta della gestione dei calci da fermo, nel calcio odierno una delle armi più importanti per sbloccare partite chiuse, storicamente poco sfruttati dalla Sampdoria. Lo scorso campionato i gol su sviluppi da calcio d’angolo, in particolare, sono stati solamente tre. Un numero davvero esiguo, che rende pienamente l’idea delle difficoltà riscontrate dai blucerchiati nell’andare a rete su situazione da corner. In vista della partita di Frosinone, ricorda Il Secolo XIX, va peraltro sottolineato che i gialloblù sono una delle squadre che nella scorsa Serie B è andata più volte a segno su calcio d’angolo – ben 11 le reti arrivate in questo modo.

Ecco allora che, sabato sera, potrebbe riproporsi un vecchio problema per la Sampdoria: corner a favore mal sfruttati e rischio di correre grossi pericoli sui calci d’angolo avversari, soprattutto se, come presumibile, il Frosinone cercherà di sfruttare le palle da fermo per colpire una difesa, come quella doriana, che sembra aver trovato una sua solidità anche grazie all’innesto di Lorenzo Tonelli. Per quanto riguarda invece le situazioni offensive, Giampaolo starebbe lavorando su nuove soluzioni che possano facilitare una maggior prolificità in queste situazioni. Ad aiutare il tecnico blucerchiato sarà anche, per così dire, il mercato estivo: a Genova sono arrivati infatti giocatori di stazza e peso come Albin Ekdal e Jakub Jankto che possono far valere le loro doti aeree certamente meglio di Lucas Torreira o di Karol Linetty. E anche fra i difensori, i nuovi arrivi sono sempre stati abituati a mettere a segno qualche gol: Omar Colley in particolare – lo ha già dimostrato contro il Watford -, ma anche lo stesso Tonelli – la Sampdoria ne sa qualcosa. Insomma, questo, oltre a quello risaputo della mentalità, sarà l’aspetto su cui lavorerà Giampaolo: la speranza è che, già dalla partita dello “Stirpe”, la Samp possa cogliere i frutti del lavoro del proprio allenatore.

Articolo precedente
Classifica SocialFifa, cambia la regola dei prestiti: la situazione della Sampdoria
Prossimo articolo
Quagliarella SampdoriaQuagliarella commosso: «Samp e Genoa unite nel dolore. Genova soffre, ma reagisce»