Spezia, Italiano: «Sampdoria? Ha un’identità ben precisa. Saponara…» – VIDEO

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Vincenzo Italiano, allenatore dello Spezia, alla vigilia del derby contro la Sampdoria ha presentato la partita in conferenza stampa – VIDEO

Vincenzo Italiano, tecnico dello Spezia, ha parlato alla vigilia del posticipo di Serie A contro la Sampdoria. Ecco le sue parole in conferenza stampa.

GUARDA LA CONFERENZA STAMPA DI ITALIANO SUL CANALE YOUTUBE DI CALCIONEWS24

CONDIZIONE – «La vittoria di Napoli ci permette di lavorare con un po’ più di serenità perché non è semplice non ottenere punti dopo tante partite, soprattutto nel momento in cui si crede di meritarli. A Napoli non siamo stati quelli che abbiamo fatto vedere in precedenza, ma questi punti li prendiamo e muoviamo la classifica. Qualche punto in giro potevamo anche averlo prima per quanto s’è visto, ma va bene lo spirito dei ragazzi, che non hanno mollato contro una squadra di livello alto che ci ha messo sotto. Ma abbiamo tenuto botta, in dieci abbiamo fatto gol e portato a casa un risultato importante. Sono contento per i ragazzi. E’ frustrante riuscire a fare prestazioni e non portare nessun punto a casa. Per tutti è stata una liberazione, ci tenevamo a superare il periodo negativo. Dobbiamo prendere tante cose positive dalla partita di Napoli, ma il campionato è ancora lunghissimo e spero che questo dia più fiducia ai ragazzi e che possa tornare quel clima che c’era prima. Mi aspetto grande entusiasmo, voglia di proporre, di giocare, di divertirsi».

NAPOLI – «Col Napoli va dato grande merito anche all’avversario perché ci ha costretto a soffrire. Quando vogliamo, riusciamo a farlo bene. Il Napoli ci ha costretto a giocare più bassi rispetto al solito. In questo tipo di partite se c’è da modificare qualcosa riusciamo a farlo. Sono partite dinamiche che vengono fuori anche per ciò che dimostra l’avversario. Cerchiamo di concedere poco, ma abbiamo fatto tirare troppo il Napoli. Sapevamo che avremmo sofferto, abbiamo visto che ne siamo capaci. Se verrà fuori una partita come quella di Napoli proveremo a difenderci come abbiamo fatto lì».

GYASI E NZOLA – «Hanno caratteristiche uniche. Si sacrificano, vanno forte quando non hanno la palla, cercano di lavorare sulla riconquista in maniera determinata. In partite come questa la loro caratteristica viene esaltata. Abbiamo tante qualità a disposizione, c’è gente che sta recuperando, come Verde che è mancato per tanto tempo. Mi aspetto che si ritorni al gol con i vari Farias, Agudelo e il resto della batteria di esterni offensivi che abbiamo».

SAPONARA – «E’ motivatissimo, ma non in grande condizione. Stiamo cercando di gestirlo bene perché non vogliamo avere problemi fisici. E’ in ritardo di condizione, lo sfrutteremo per quello che può darci nell’immediata. Su sua richiesta gli piacerebbe lavorare sull’esterno di sinistra per cercare di lavorare venendo dentro al campo e duettando con la nostra prima punta. Stiamo lavorando per metterlo nelle migliori condizioni. Del ruolo lui è convinto e noi possiamo aver bisogno delle sue qualità e intelligenza. Speriamo ci dia quello che in questo momento ci sta mancando».

SAMPDORIA – «Già l’anno scorso aveva un’identità precisa. Quest’anno sta ottenendo risultati di valore, vedi la vittoria con l’Inter. E’ una squadra che ha a disposizione calciatori che possono risolvere la partita in qualsiasi momento, si sacrificano tutti e ripartono velocemente. Non dovremo forzare le giocate e consegnare palloni per le loro ripartenze. Bisognerà percepire il pericolo e fare una partita di sacrificio, attenzione e personalità».