Tavares sorprende tutti. Ma la Samp ha già deciso

Tavares
© foto Valentina Martini

Pochi gettoni in stagione per Tavares, ma prestazioni sempre incoraggianti: nonostante ciò, la Sampdoria non riscatterà il terzino

La partita fra Chievo e Sampdoria al “Bentegodi” non ha certo entusiasmato i tifosi blucerchiati, che speravano in una vittoria per chiudere un mese particolarmente sofferto a livello di risultati. Invece, anche contro l’ultima squadra in classifica e giocando per più di un tempo in superiorità numerica, la squadra di Marco Giampaolo non è riuscita a ritrovare i tre punti, giocando una partita priva di motivazioni e senza mordente. Fra le poche note positive della penultima giornata di campionato vi è senza dubbio la prestazione di Junior Tavares, che, impiegato al posto di Nicola Murru sulla sinistra, non ha certamente demeritato, risultando fra i migliori della squadra blucerchiata soprattutto per la voglia di farsi notare e l’impegno profusi in campo.

Il terzino brasiliano, con la presenza di Verona, ha collezionato solamente tre gettoni in campionato, chiaro sintomo della poca fiducia di Giampaolo nei suoi confronti – oltre che dell’ottima stagione disputata da Murru, ovviamente. Un bottino decisamente magro per un giocatore arrivato fra la curiosità generale dei tifosi doriani e che, con ogni probabilità, non verrà riscattato a fine stagione. Eppure, le prestazioni del terzino classe ’96 non sono state certamente insufficienti: Tavares si è sempre disimpegnato bene in campo, e lo stesso Giampaolo ha avuto solo parole di elogio per l’ex San Paolo, descrivendone anche la costante crescita negli allenamenti.

Difficile, come si diceva, che la società possa tornare sui propri passi riguardo il mancato riscatto del brasiliano, ma è pur vero che non sarà facile trovare un giocatore di qualità pronto ad accettare la panchina – visti i sempre lunghi tempi di inserimento in squadra con Giampaolo, sempre che il tecnico resti a Genova – e il cui acquisto non richieda un esborso economico importante. Insomma, al di là del poco minutaggio avuto in stagione, una conferma per Tavares non sarebbe stata forse un sacrilegio, anche perché l’esterno ha nelle proprie corde attitudini più offensive rispetto a Murru, utili soprattutto in determinati momenti della partita. Ma la strada del divorzio dai colori blucerchiati sembra ormai segnata.