Tedeschi bacchetta Ferrero: «La Samp ha preso le distanze dai tifosi»

tedeschi sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Tedeschi dice la sua sul derby: «Mi auguro sia combattuto, punto su Quagliarella. Gestione Ferrero? Bene, ma distante dai tifosi»

Mancano ormai solo quattro giorni al Derby della Lanterna, un appuntamento che la città intera ormai attende con trepidazione. A dire la sua sulla partita che avrà luogo al “Ferraris” domenica sera è stato, fra i tanti altri, il conduttore tv e tifoso blucerchiato Corrado Tedeschi: «Sono già in fibrillazione. La città ha altri problemi in questo momento e sicuramente il derby passa in secondo piano – ha affermato durante la trasmissione Gradinata Sud in onda su Primocanale, ma quando si avvicina siamo tutti tifosissimi. Spero che non sia un pareggio di quelli che fanno perdere la voglia di guardare il calcio, piuttosto meglio perdere. A queste due squadre rimane solo la stracittadina. La mia speranza è che sia un derby aperto, combattuto fino all’ultimo secondo».

Difficile dire chi potrebbe decidere la sfida contro il Grifone, anche perché, dopo le ultime partite perse malamente, la Sampdoria potrebbe adesso sembrare più vulnerabile: «Prima di queste ultime partite avevo una grande ammirazione per la difesa, Andersen è un giocatore da grande squadra, ma alla luce degli ultimi risultati la fiducia nel reparto è venuta meno. Però faccio conto su Quagliarella, è in buone condizioni fisiche e ha un’esperienza tale da vivere il derby con grande maturità. Pronostico comunque un pareggio». Infine una domanda sul mancato rinnovo, da parte della nuova gestione societaria, delle presentazioni estive della squadra, domanda alla quale Tedeschi risponde molto sinceramente: «Questa presidenza sta facendo molto bene il suo lavoro, ma ha preso un po’ le distanze dai tifosi. Il raduno – ha concluso con un pizzico di amarezza – era un modo per stare bene insieme e ritrovare il tifo vero, quello sano».

Articolo precedente
milic anderlechtProposto il croato Milic: la Sampdoria riflette
Prossimo articolo
perinettiPerinetti non ci sta: «Perché si parla sempre meglio della Samp?»