Una Sampdoria in Serie C? Tommasi per la svolta: «Sì alle seconde squadre»

© foto Valentina Martini

Tommasi promuove l’introduzione delle seconde squadre: «Le società di Serie A potranno costituire le seconde squadre, che giocheranno in Lega Pro»

Arrivate qualche tempo fa le dimissioni forzate di Carlo Tavecchio dopo il flop dell’Italia allo spareggio mondiale contro la Svezia, la FIGC è ora in cerca di un nuovo presidente: fra i candidati è presente Damiano Tommasi, già presidente dell’AIC, Associazione Italiana Calciatori. L’ex centrocampista della Roma, molto quotato in vista delle prossime elezioni, è stato intercettato dai microfoni di Radio1, ai quali ha spiegato che tipo di programma intenderebbe attuare nel caso fosse eletto presidente. Fra i vari punti toccati, uno è di particolare interesse, l’introduzione delle seconde squadre.

Le squadre di Serie A potrebbero cioè costituire delle squadre B – come si fa per esempio in Spagna, dove ci giocano il Barcelona B e il Real Madrid Castilla – dove far crescere i propri talenti, squadre che, propone Tommasi, potrebbero giocare nel campionato di Lega Pro: «Vorremmo raggiungere in breve tempo la costituzione delle seconde squadre, le cosiddette squadre B. E’ già circolata in qualche documento federale l’ipotesi di seconde squadre in sostituzione delle squadre di Lega Pro che non vengono ammesse al campionato. Credo sia uno dei progetti da fare sin da subito – ha concluso Tommasi -, coinvolgendo le società di serie A che sono interessate».