Tonelli si presenta: «Tante volte vicino alla Samp, qui per riscattarmi»

tonelli sampdoria
© foto SampTV

Le prime parole di Tonelli da giocatore della Sampdoria: «Voglio giocare il più possibile, puntiamo all’Europa. Saponara come un fratello, qui soprattutto per Giampaolo»

Arrivato questa mattina a Genova e sostenute le visite mediche, Lorenzo Tonelli ha rilasciato le sue prime dichiarazioni da giocatore della Sampdoria ai microfoni di SampTV: «Arrivo qua a Genova dopo due anni non felicissimi al Napoli, ho attraversato un momento difficile per le mie condizioni fisiche e ho trovato poco spazio. Vengo con tanta voglia di riscatto, di mettermi in gioco e di dimostrare nuovamente, sia al pubblico che a me stesso, quali sono le mie qualità».

Il difensore, che ha scelto la maglia numero 26, racconta di come sia stato in passato vicino a vestire blucerchiato: «Ci sono stati vari contatti con la Samp in questi due anni. L’anno scorso a gennaio sono stato veramente vicino, poi per una concomitanza di fattori l’operazione non è andata in porto. Ho voluto fortemente venire qui, soprattutto per Giampaolo, con il quale ho un grandissimo rapporto. Apprezzo il suo modo di lavorare, lui è uno dei motivi principali per cui sono qui, ma anche per tutta la società, dal direttore al presidente. Credo che abbia scelto me perché crede nel giocatore che sono».

Tonelli è un giocatore che, nonostante il ruolo, non ha mai disdegnato di insaccare il pallone in rete: «Il mio compito è quello di evitare gol, poi se si ha anche la fortuna di farli è un valore aggiunto. Mi sta andando bene finora, anche se non è fondamentale per un difensore. Spero di poter regalare qualche gol ai tifosi blucerchiati, perché se lo meritano. Giampaolo è un tecnico che crede molto nel lavoro di reparto, che per me è basilare, perché ti consente di dare idee ben definite a tutta la squadra. È molto simile al lavoro di Sarri – ammette – che io ho avuto sia a Empoli che a Napoli».

Oltre al tecnico, l’ex Napoli ritrova anche volti conosciuti tra i compagni di squadra: «Il più recente è Rafael, ma i giocatori con cui ho legato di più nella mia carriera sono Regini e soprattutto Saponara. Con Vasco ho fatto due anni a Empoli veramente belli, invece Riccardo lo conosco da quando avevo 17 anni e abbiamo condiviso tante esperienze. È quasi un fratello per me, sono molto felice di essere qui con lui e sicuramente sarà d’aiuto per integrarmi al meglio nello spogliatoio».

Impossibile non parlare di derby: «Appena sono arrivato a Genova ne ho sentito subito parlare e so che importanza ha per i tifosi. Non ho mai giocato un derby, o meglio, quello tra Fiorentina ed Empoli non era così sentito, soprattutto dai tifosi viola. Immagino che sia molto importante per un tifoso vincere il derby, sicuramente sarà una partita che prenderemo a cuore», ha assicurato il centrale.

Un’ultima battuta sui traguardi previsti per questa stagione: «Il mio obiettivo personale è quello di giocare più partite possibile – spiega Tonelli – perché vengo da due anni in cui ho giocato poco. Mi auguro di poter arrivare in Europa League, perché la squadra ha tutte le qualità per poterlo fare. Un saluto a tutti i tifosi, ci vediamo presto in campo. Forza Samp!».

Articolo precedente
leo baptistaoFlop Zaza? La Samp aveva chiesto Leo Baptistao
Prossimo articolo
Saponara TonelliTonelli e Saponara hanno già conquistato tutti