Connettiti con noi

Hanno Detto

L’analisi: «Il Torino ha più qualità. Sampdoria? Carenze d’attenzione in difesa»

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Già antivigilia di campionato per la Sampdoria che sabato sfiderà il Torino: l’analisi di Andrea Calderoni sul prossimo turno

Andrea Calderoni di toronews.net ha analizzato l’anticipo serale tra Torino e Sampdoria, valido per l’undicesima giornata di Serie A. Le sue riflessioni sul sito che tratta le vicende granata.

TORINO – «Cosa attendersi tra Torino e Sampdoria dal punto di vista tattico? Su un aspetto i granata dovranno far leva: la maggior qualità che hanno a disposizione rispetto all’avversario. Il Torino oggi ha più qualità della Sampdoria, il che va in controtendenza rispetto al recente passato, quando una delle più gravi mancanze del club granata era proprio sotto l’aspetto qualitativo. Il primo scorcio di campionato ha detto, invece, che Ivan Juric ha tanti giocatori capaci di dare del tu al pallone e tra l’altro non mancano le alternative nelle zone nevralgiche del campo (mediana, trequarti e da qualche giorno anche in attacco dopo i rientri di Belotti e Zaza). Questa qualità dovrà essere sfruttata nel migliore dei modi, coniugandola con le caratteristiche fondanti del gioco di Juric. Il Torino ha già assunto un’identità chiara nell’arco dei primi quattro mesi della stagione, ma d’ora in poi non dovrà più peccare di poco cinismo nell’ultimo passaggio e soprattutto nelle conclusioni».

SAMPDORIA – «Audero è uno degli estremi difensori più impegnati del torneo (34 interventi, quasi il doppio rispetto al collega granata). La difesa della Sampdoria ha dimostrato carenze d’attenzione. Ha difatti concesso una serie di gol evitabili a causa di errori dei singoli e in alcuni casi di errori collettivi. Quella blucerchiata è una squadra che con il suo classico 4-4-2 punta tantissimo sul lavoro degli esterni. L’assenza di Damsgaard, in tal senso, si sta facendo sentire. Poche squadre hanno crossato di più della Sampdoria, ma i traversoni non andati a buon fine sono stati ben 83 contro i 37 positivi. Sarà comunque importante prestare attenzione alle sovrapposizioni dei laterali difensivi che cercano spesso di seguire l’azione».