Torreira glissa sul futuro: «Non so dove andrò, vorrei stare in Italia»

© foto SampNews24

Torreira glissa sul suo futuro e pensa solo al Mondiale: «Ultima con la Sampdoria perché è finito il campionato»

Ospiti d’eccezione alla fase finale del Torneo Ravano arrivato alla sua 25.a edizione, Lucas Torreira e Angelo Palombo non si sono sottratti a fotografie e autografi insieme ai tanti bambini presenti alla manifestazione. Intervistato a margine, il centrocampista uruguaiano ha glissato sul suo futuro, concentrando tutto sul Mondiale: «Una bellissima giornata per stare assieme ai bambini, per me è molto importante stare vicino a loro e quindi sono contento di essere qui. Sto finendo un’annata molto positiva, abbiamo fatto delle grandissime prestazioni è vero che ci è mancato qualcosa alla fine per arrivare a conquistare l’Europa League. Per noi era un grandissimo sogno, come per tutti i tifosi. Ora vogliamo finire con una vittoria contro la Spal. Ultima alla Sampdoria? Sarà l’ultima perché è finito il campionato, dopo vedremo cosa succederà. Andrò a casa, c’è la nazionale che mi aspetta e voglio prepararmi bene per andare al Mondiale e coronare un sogno. Sono molto contento di essere nella lista dei convocati, adesso avrò due settimane di allenamenti e dopo il tecnico sceglierà i 23 che partiranno per la Russia. Siamo in tanti alla Sampdoria che sicuramente possiamo andare al Mondiale, tra di noi scherziamo tanto, soprattutto con Zapata che è sudamericano».

Il futuro è ancora incerto, Torreira non si sbilancia ma ammette che all’estero preferirebbe l’Italia: «È stato un anno importante, duro e adesso voglio pensare a dare il massimo contro la Spal. Non posso dire adesso dove andrò nei prossimi mesi o nel prossimo anno, ora voglio finire al meglio qui. So che i tifosi mi vogliono bene, sono stati due anni bellissimi nei quali ho dato il massimo per questa maglia. Italia o estero nel futuro? L’Italia per me è uno dei posti migliori, si sta bene, si mangia bene, come ho detto prima non so ancora nulla per cui non posso sbilanciarmi. Non ho nemmeno parlato con il mio procuratore. I babà? Non so cosa siano. Giampaolo? Non so cosa vuole fare nel futuro, ha dato tanto a questa squadra in questi due anni e sarebbe una cosa importante per la Sampdoria che lui rimanesse».

Articolo precedente
Colley SampdoriaSampdoria su Colley, l’agente è cauto: «Il Genk sta decidendo»
Prossimo articolo
Palombo legittima la Sampdoria: «Stagione positiva, non fallimentare»