Connettiti con noi

News

Dalla trattativa per la Sampdoria a Spac: nuova società per Vialli e Zanetton

Pubblicato

su

Vicini alla Sampdoria nell’estate 2019, Vialli e Zanetton, dopo Tyfosi, lanciano Spac: i dettagli sulla nuova società

I cofondatori della piattaforma di crowdfunding britannica TifosyGianluca Vialli  e Fausto Zanetton hanno lanciato nei giorni scorsi la Spac Iconic Sports Acquisition. I due, pedine fondamentali nella cordata che voleva acquistare la Sampdoria nel 2019, stanno ragionando in grande. Nel dettaglio l’articolo di calcioefinanza.it.

«La Spac – Special Purpose Acquisition Company – è una particolare società della categoria “veicoli societari d’investimento” il cui scopo è quello di portare a termine inizialmente delle acquisizioni e poi investire in maniera profittevole nel medio periodo.

Nel dettaglio, la Spac di Vialli e Zanetton mira a «identificare, acquisire e accelerare business nel settore sportivo o in comparti adiacenti, come dati, analisi, media e tecnologia». Con sede alle Isole Cayman, Iconic Sports Acquisition punta a raccogliere 250 milioni di dollari (215 milioni di euro circa) all’atto della quotazione a Wall Street, offrendo 25 milioni di unità al prezzo di 10 dollari l’una.

Ogni unità include un’azione ordinaria e la metà di un warrant, esercitabile al prezzo di 11,50 dollari. Includendo i 6,25 milioni di azioni di Classe B già detenuti dagli sponsor, la Spac dovrebbe quindi avere un valore di mercato di 313 milioni di dollari (270 milioni di euro circa).

Oltre a Tifosy, tra i promotori di Iconic Sports Acquisition rientrano Jimmy Dinan (comproprietario dei Milwaukee Bucks, oltre che presidente e proprietario di York Capital), Edward Eisler (proprietario di Eisler Capital, un hedge fund con sede a Londra) e Alexander Knaster (finanziere ebreo russo fondatore di Pamplona Capital).

Il trio Knaster-Vialli-Zanetton aveva già fatto parlare di sé per il tentato acquisto della Sampdoria insieme a James Gerard Dinan (il fondatore di York Capital), nell’agosto 2019, ma la trattativa non era andata a buon fine».