Connettiti con noi

News

UFFICIALE Spezia, Platek è il nuovo proprietario. Il comunicato

Pubblicato

su

Adesso è arrivata anche l’ufficialità: lo Spezia passa da Gabriele Volpi alla famiglia Platek. Il comunicato del cambio di proprietà

Finisce l’era Gabriele Volpi. La famiglia Platek, infatti, è ufficialmente la nuova proprietaria dello Spezia. Con un comunicato ufficiale, il club ligure ha reso noto il passaggio di proprietà.

LEGGI ANCHE – Diritti tv Serie A: scontro fisico in Lega tra Campoccia e Preziosi

COMUNICATO SPEZIA – «Spezia Calcio è lieta di annunciare l’acquisizione del Club da parte della famiglia Platek. Robert Platek, insieme a sua moglie Laurie Platek e ai tre figli Amanda, Carolina, Robert Junior e con suo fratello Philip Platek, tutti grandi sostenitori della serie A, ha compiuto un investimento generazionale nel Club Spezia Calcio, dando il via a un progetto a lungo termine».

FAMIGLIA PLATEK – «Siamo felici per l’acquisizione dello Spezia Calcio. La Serie A è l’elite ed è da tempo che cercavamo un’opportunità di partnership con un Club italiano di cui apprezzassimo la Mission, l’Ethos e l’Etica. Così è stato con lo Spezia Calcio, perché il club ha gli stessi valori in cui crede la nostra famiglia: il lavoro e l’umiltà. Siamo onorati di poterlo supportare e aiutarlo a crescere puntando ad ottenere successi futuri e a rendere orgogliosi i fedelissimi fan».

VOLPI – «Abbiamo dato al Club e alla città tutto il supporto che potevamo dare. Ora siamo lieti che i nuovi investitori, la famiglia Platek, potranno dare seguito ai nostri sacrifici e agli sforzi fatti, migliorando ulteriormente la mission del Club, grazie all’esperienza nel settore e alla capacità di realizzare sinergie nell’attraente e complesso mondo del calcio».

PHILIP PLATEK – «Siamo onorati di poter portare avanti la tradizione dello Spezia Calcio, una squadra che ha lavorato duramente per poter entrare a far parte della serie A. Siamo inoltre contenti di poterci affiliare agli Aquilotti, i fan del team, ora e negli anni a venire». 

Advertisement