Uruguay scandalizzato: «Tabarez, come puoi ignorare Torreira?»

torreira sampdoria calciomercato
© foto www.imagephotoagency.it

In Uruguay non si capacitano dell’esclusione di Torreira dalla Celeste: «Tabarez, come fai ad ignorare Torreira?»

Lucas Torreira è il centrocampista moderno che tutte le squadre vorrebbero avere: abile nella fase di costruzione e in quella di rottura del gioco avversario, dotato di carattere e personalità, giovane e con ampi margini di miglioramento. Un centrocampista così non potrebbe che far comodo a club i ogni livello, così come alla propria Nazionale. Incredibilmente, però, l’Uruguay non ha ancora convocato il numero 34 blucerchiato, e dalle parti di Montevideo ci si inizia a chiedere, viste le ottime prestazioni dell’ex Pescara, quando Tabarez deciderà di chiamare il gioiellino della Samp, dato che a giugno ci sarà un Mondiale da giocare. In particolare Ovaciòn, la rubrica sportiva dell’edizione uruguagia de El Pais, ha dedicato un articolo al mediano della Sampdoria, chiedendosi perché ancora non abbia trovato posto nella Celeste.

Dall’Uruguay, insomma, sembra levarsi una domanda generale rivolta al ct Tabarez, riassunta così dal quotidiano: «Come si può ignorare ciò che sta facendo Torreira?». Secondo quanto riportato da Ovaciòn, sono cinque i centrocampisti sicuri del posto per la Russia: Rodrigo Bentancur, Federico Valverde, Matias Vecino, Nahitan Nández e Cristian Rodríguez. Ci sono poi altri nomi in gara per ottenere un posto fra i tre che presumibilmente sono ancora vacanti: Carlos Sánchez, Álvaro González, Giorgian De Arrascaeta, Nicolás Lodeiro, Jonathan Urretaviscaya e Egidio Arévalo Ríos. In questa lista, sottolinea la testata uruguagia, ci potrebbe stare benissimo il nome del classe ’96, e lasciarlo a casa sarebbe delittuoso. L’unica spiegazione è che Tabarez non voglia aumentare il numero dei mediani, avendone già un paio sui quali fa grande affidamento. Resta però il fatto, conclude l’articolo, che una possibilità al centrocampista, per quello che sta facendo vedere in Italia, andrebbe certamente data. La palla passa insomma a Tabarez, che ha ancora 7 mesi di tempo per tornare sulle proprie decisioni.