Connettiti con noi

Hanno Detto

Primo test per il Var centralizzato: i dettagli in vista della prossima Serie A

Pubblicato

su

Oggi in Atalanta Pordenone, amichevole giocata al Gewiss Stadium, c’è stata una prova del Var centralizzato: novità per la prossima Serie A

Nell’amichevole odierna tra Atalanta e Pordenone è andata in scena la prima prova del Var centralizzato: ciò avverrà anche nel prossimo campionato. Il comunicato della Lega Seria A e le dichiarazioni di Luigi De Siervo all’ANSA.

«Primo test Var dal nuovo centro di Lissone. Come annunciato dalla Lega Serie A oggi pomeriggio è stato testato, in occasione della gara amichevole tra Atalanta e Pordenone, il Centro Var centralizzato. Il collaudo della nuova struttura, previsto dalla Fifa almeno 14 giorni prima del suo utilizzo in gare ufficiali per consentirne l’omologazione, ha dato esito positivo sotto ogni punto di vista grazie alla collaborazione di EI Towers e Hawk-Eye, consentendo un collegamento ottimale tra Matteo Marcenaro, arbitro al Gewiss Stadium, e i suoi colleghi Simone Sozza (Var) e Bresmes Marco (Avar), operanti dalla sala Var di Lissone sotto la supervisione di Andrea Gervasoni, delegato dell’Aia. Nei prossimi giorni saranno effettuate ulteriori prove presso altri stadi di Serie A.

“Il servizio di VAR centralizzato da remoto presso il Centro di Produzione di Lissone – ha dichiarato Luigi De Siervo, AD della Lega Serie A – rappresenta uno dei vari servizi rientranti nella trasformazione della Lega di Serie A in una Media Company. Il potenziamento del prodotto televisivo passa attraverso la disintermediazione della filiera e la razionalizzazione dei flussi distributivi dei segnali, migliorando il trasporto in fibra ottica dagli stadi di ben 12 segnali in 1080p o in UHD. Il centro di Produzione della Lega Serie A consentirà di realizzare centralmente highlights e nuovi prodotti editoriali customizzabili, tramite un nuovo archivio ad alta velocità, sino ad arrivare, attraverso un proprio replay center, finanche alla produzione in remoto delle partite”».