Ventura: «Italia scelta sbagliata. Avevo un contratto con una big»

ventura
© foto www.imagephotoagency.it

L’ex allenatore del Torino Gian Piero Ventura è tornato a parlare della disastrosa parentesi alla guida dell’Italia

L’ex allenatore di Salernitana e Torino Gian Piero Ventura, è tornato a parlare ai taccuini di TuttoCalcioPuglia.com dell’infelice esperienza alla guida della nazionale italiana, terminata nel 2017 dopo la mancata qualificazione ai mondiali nella partita contro la meno quotata Svezia.

PENSIERI –  «Ci penso, ogni tanto. Mi arrabbio con me stesso per le scelte fatte, me la prendo con qualche vicenda extra-calcio che ha inciso tanto nella mia avventura con la Nazionale. Avevo due anni di contratto con il Torino e un contratto di tre anni firmato con una grossissima società di Serie A».

ERRORE – «Ho rinunciato a tutto questo perché Lippi mi diede la possibilità di fare il ct. Tutti dicevano fosse la ciliegina sulla torta di una carriera. Il giorno dopo che ho firmato, Lippi non c’era più e mi son ritrovato da solo a gestire l’aspetto tecnico e politico. Tornassi indietro non lo rifarei: ma non avrei dovuto farla nemmeno in quel momento. I miei collaboratori mi dicevano di tornare a fare le cose che sapevamo fare, di andare tutti i giorni sul campo».