Verso Napoli – Samp: cambiare marcia in trasferta per il nuovo anno

anno
© foto www.imagephotoagency.it

Uno dei regali che la Sampdoria dovrebbe fare ai suoi tifosi in vista del nuovo anno è quello di cambiare marcia in trasferta: troppi pochi punti raccolti lontano dallo stadio Luigi Ferraris di Genova

L’andamento della Sampdoria in questo campionato, per quanto concerne i match in trasferta, segue un andamento regolare. Entriamo nel dettaglio per capire come faccia la differenza giocare lontano da casa, ma anche quanto sia determinante essere in striscia positiva o, purtroppo, negativa.
VITTORIA CHIAMA VITTORIA – La Sampdoria ha iniziato il suo campionato 16/17 in trasferta, a Empoli, contro la squadra di Martusciello. Con il senno di poi, visto l’andamento della squadra toscana, si potrebbe dire che era una vittoria quasi scontata, ma nessuna partita ha il risultato finale già scritto. Vittoria esterna per 0-1 e i primi tre punti portati a casa. Poi il match a Marassi contro l’Atalanta, anche qui i più critici potrebbero dire che non era ancora la squadra di Gasperini, cinica e combattiva vista contro le grandi nell’ultimo periodo. Pacifico, ma intanto seconda vittoria e altri tre punti. Vittoria chiama vittoria e la Sampdoria si presenta a Roma: la gara è di quelle ben giocate e che finiscono con un risultato che lascia tanto amaro in bocca. Quello che doveva essere un pareggio si è trasformato in una sconfitta: Dzeko crolla a terra dopo un fallo dubbio in area, Totti si presenta sul dischetto e realizza il gol della vittoria. È la prima sconfitta della stagione e i primi tre punti persi ingiustamente. Da quella partita in poi saranno due le gare in trasferta e una tra le mura di casa che la Sampdoria non riuscirà a vincere nel mese di settembre. Il Milan a Marassi, il Bologna al Dall’Ara e il Cagliari al Sant’Elia: la squadra di Giampaolo fa zero punti per tutto il mese.
IN TRASFERTA “PEGGIO” CHE IN CASA – Ovvio, se si guardano ai singoli dati la Sampdoria fa meglio in casa che in trasferta: ha il suo pubblico che la sostiene (ma che la segue anche lontano dal Luigi Ferraris). Sconfitta a Roma, Bologna, Cagliari e poi contro la Juventus allo Stadium.  In mezzo il pareggio casalingo contro il Pescara, e il risultato positivo, con Puggioni a difendere la porta della Sampdoria, nel Derby della Lanterna. Seguono la vittoria con l’Inter, pareggio in trasferta contro la Fiorentina, vittoria interna contro il Sassuolo, pareggio in trasferta contro il Crotone e seconda sconfitta casalinga contro la Lazio. In trasferta di nuovo male contro il Chievo, pareggio a reti inviolate (il primo della stagione) per l’ultima partita casalinga contro l’Udinese tra le mura dello stadio Ferraris di Genova. Andiamo a vedere i punti realizzati: sei punti in trasferta, diciassette in casa. Un dato decisamente chiaro in vista del match al San Paolo contro il Napoli che chiuderà l’andata di campionato. La statistica non aiuta e nemmeno il grado di difficoltà che la Sampdoria dovrà cercare di arginare e al meglio superare una volta davanti alla squadra di Sarri: il Napoli è oggettivamente più forte della Sampdoria, ma le partite si giocano sul campo e non numeri alla mano per questo motivo, come ci auguriamo, la prima gara del 2017 potrebbe rivelare molte sorprese, anche positive per noi blucerchiati.