Connettiti con noi

Gli Ex

Viviano: «Italia? Me lo aspettavo. Donnarumma tra i migliori tre al mondo»

Pubblicato

su

viviano sampdoria

Emiliano Viviano, ex portiere della Sampdoria, ha rilasciato alcune dichiarazioni su diversi temi che riguardano l’Italia. Le sue parole

Emiliano Viviano, ex portiere della Sampdoria e oggi al Fatih Karagümrük, ha rilasciato alcune dichiarazioni su diversi temi che riguardano l’Italia. Ecco un estratto della sua intervista a TMW Radio.

ITALIANI IN TURCHIA – «Se arriverà qualcun altro dall’Italia? Penso di sì, cerchiamo un difensore perché è un ruolo in cui siamo un po’ scoperti».

ITALIA – «Io me l’aspettavo, erano mesi che mi piaceva questa squadra e il suo spirito. Quando non perdi per più di trenta partite non è più fortuna. Poi mettiamoci pure quella cabala per cui l’Italia fa bene quando deve rialzarsi da momenti di difficoltà. Tra vincere e perdere c’è un confine sottilissimo, spesso. L’Italia ha meritato per l’intero Europeo ma con la Spagna ad esempio poteva perdere e andare fuori. In generale, però, sono stati quelli che hanno meritato di più».

DONNARUMMA – «Fino a prima dell’Europeo, come sempre mi succede, non volevo dire che secondo me era tra i migliori il mondo perché ci vuole un grande evento che lo certifichi. Lo stesso vale per altri calciatori, penso per esempio a Haaland: per dire che è il top lo voglio vedere ad alti livelli. Ora si può già dire che Donnarumma sia tra i migliori tre. Limiti nelle uscite? Per me invece è il suo coraggio incredibile ciò che lo rende il migliore. In finale ha fatto delle uscite che ci vogliono due palle… Ha tutto. Nei miei 35 anni di vita non ho mai visto un ragazzo con questa forza, questo potenziale, questo coraggio. Un fenomeno assoluto».

ITALIANO – «Mi piace, perché è un allenatore bravo e moderno, va nella stessa direzione del calcio. Dall’anno scorso mi sembra che la Fiorentina si sia messa in testa di dare più peso all’allenatore, chiunque esso sia. Questo è un bene, perché col massimo rispetto di Barone e Commisso, nel calcio bisogna ascoltare chi lo fa e l’ha fatto, ed ha tanta esperienza. Spero valga per Italiano, che seppur allenatore giovane, ha giocato vent’anni a grandi livelli».

FAVORITA SCUDETTO – «Inter e Juventus, assolutamente. Allegri ridarà equilibrio alla Juventus, anche se è vero che trova qualche cambiamento: giocatori con un paio d’anni in più, qualcuno di acciaccato o infortunato».

Advertisement