Zaino: «Ferrero non molla. Sampdoria con le casse quasi vuote»
Connettiti con noi

Hanno Detto

Zaino: «Ferrero non molla. Sampdoria con le casse quasi vuote»

Pubblicato

su

Stefano Zaino ha fatto il punto sulla situazione societaria della Sampdoria: le parole a Telenord del giornalista

Stefano Zaino, giornalista de La Repubblica,  ha fatto il punto sulla situazione societaria della Sampdoria. Le sue parole a Forever Samp.

CONTESTAZIONE – «Il malumore nella Sud non può che serpeggiare. La speranza è che i tifosi continuino a correre da soli, nel senso che ormai loro vanno da una parte e la squadra dall’altra. Loro sono eccezionali, la squadra è sempre peggio. Secondo me non ne vale nemmeno la pena sporcarsi la reputazione per una realtà così deprimente.  Hanno fatto la contestazione con lancio fumogeni, non possiamo giustificarla, ma è comprensibile perché questo è un anno davvero triste, deprimente e con grande angoscia e preoccupazione. Il futuro è veramente un’incognita».

AUMENTO DI CAPITALE – «E’ una strada, quella che permetterebbe di mettere fuorigioco Ferrero senza dargli niente. Finora Ferrero ha tenuto in mano gli altri perché è il principale azionista».

FERRERO«A me risulta che Ferrero tenterà fino all’ultimo un colpo di coda. Cercherà di combattere sino all’ultimo, lo conosciamo. Si sa che chi vuole entrare in società non vorrà più avere Ferrero davanti. Secondo Ferrero la colpa è tutta degli altri, se non avesse queste disavventure nell’ultimo periodo lui avrebbe sicuramente salvato la Sampdoria, l’avrebbe condotta meglio. Lui è convinto di essere sempre nel giusto. Dire che tutto è nato negli ultimi sei mesi è falso. Il Covid paradossalmente è stato un aiuto più che un danno, il bilancio ha iniziato a soffrire dal 2018. Se nel 2019 Ferrero avesse venduto la Sampdoria, avrebbe fatto un grande colpo e adesso la Sampdoria sarebbe tranquilla nelle sue acque. Ha perso una grande occasione, le ragioni le conosce lui e da allora la Sampdoria ha iniziato un inesorabile declino».

PREVISIONI«La situazione è complicata e fare delle previsioni è anche brutto secondo me. In questo momento non si può negare che tra le ipotesi c’è anche la ripartenza dal gradino più basso che è la Serie D. In questo momento la Sampdoria fatica ad onorare qualsiasi tipo di pendenza, ha faticato tanto ad onorare la pendenza fiscale del 30 aprile. Ora ne ha due terribili: il 30 maggio con tutti gli stipendi, e poi il 20 giugno come termine, ma in realtà entro il 5 giugno dovrà dire alla Federazione di avere le carte in regola per iscriversi al campionato. E’ un uno-due dove ballano 30 milioni, e la Sampdoria in questo momento in cassa non ha nemmeno 30 euro».

SERIE D«Tutti ovviamente tifiamo per una ripartenza dalla Serie B, con un nuova proprietà ed un rinnovato entusiasmo e con l’unico patrimonio unico che ha la Sampdoria: i suoi tifosi. E poi come dicono in molti ex giocatori, ci pensano i tifosi a riportarla in Serie A, ce la trascinano con il loro tifo. Tutti ci auguriamo questo, ripartire dalla D mi fa tremare».

Copyright 2024 © riproduzione riservata Samp News 24 - Registro Stampa Tribunale di Torino n. 44 del 07/09/2021 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 - PI 11028660014 Editore e proprietario: Sport Review S.r.l Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a U.C. Sampdoria S.p.A. Il marchio Sampdoria è di esclusiva proprietà di U.C. Sampdoria S.p.A.