Zielinski punta la Samp: «Vogliamo il secondo posto»

zielinski napoli
© foto www.imagephotoagency.it

Piotr Zielinski punta alla Sampdoria, valida per il secondo posto degli azzurri

Qualche anno fa la sfida fra SampdoriaNapoli significava Champions League, ma per i colori blucerchiati: nel 2010 la vittoria blucerchiata sugli azzurri all’ultima giornata aprì le porte della massima competizione per club europea, adesso la storia si ripete ma a parti invertite, i partenopei devono sperare che la Roma perda punti in casa contro il Genoa e battere la Samp per strappare il pass diretto per i gironi ed evitare il preliminare che nelle ultime stagioni è sempre stato letale per le squadre italiane. In questo momento la truppa di Maurizio Sarri è un treno che corre spedito e spazza via ogni avversario, sbaragliando ogni record precedentemente segnato da storiche versioni passate del Napoli: «Siamo contenti di essere riusciti a battere tanti record – afferma Piotr Zielinski ai microfoni di Radio Kiss Kiss – ma la cosa più bella sarebbe il secondo posto e ci crediamo fino alla fine. Dipende tutto da noi, dobbiamo andare a Genova e vincere la nostra partita. Poi, vedremo se la Roma perderà punti. La stagione è stata ottima, potevamo fare forse qualcosa in più visto che abbiamo lasciato qualche punto per strada con i quali potevamo lottare per lo Scudetto».

ZIELINSKI: «PROSSIMO ANNO SCUDETTO» – La prossima stagione sarà forse fondamentale per i partenopei, col giusto salto di qualità si può puntare a interrompere l’egemonia della Juventus: «Il prossimo anno sarà molto divertente. Faremo di tutto per vincere lo Scudetto – prosegue Zielinski – sarebbe un sogno per noi giocatori regalarlo alla città. Dobbiamo continuare il cammino intrapreso nel finale di questa stagione, giocando sempre al livello mostrato in questa fase e provando a vincere sempre. Sono convinto che abbiamo una squadra con la quale possiamo battere tutti e vincere lo scudetto. Il bilancio della mia stagione? Personalmente potevo dare qualcosa in più già da quest’anno, ma come primo anno in una grande squadra posso essere anche soddisfatto. L’anno prossimo devo migliorare ancora, devo tirare di più in porta, è l’obiettivo per l’anno prossimo. Devo cominciare a segnare anche io qualche rete in più». In chiusura un commento su una leggenda come Francesco Totti, alla sua ultima apparizione da calciatore: «Da piccolo mi piacevano Zidane, Ronaldo e Ronaldinho, mi ispiravo a loro. Totti è una leggenda, anche lui era uno dei miei idoli. Magari una sua tripletta contro il Genoa, per un 3-3, andrebbe benissimo».

Articolo precedente
Romei su Schick: «Vogliamo tenerlo, ma pronti a qualsiasi evenienza»
Prossimo articolo
banti arbitroSampdoria-Napoli, arbitra Banti: quanti rigori agli azzurri