Allegri: «Domani giorno di riposo. Poi testa alla Sampdoria»

© foto www.imagephotoagency.it

La Juventus perde contro il Milan per una rete di scarto, tanti episodi che verranno analizzati più volte: un gol annullato (e regolare) a Pianjc, Locatelli al secondo gol (con due tiri in porta), Dybala che si stira ed è costretto a lasciare il campo. Insomma tante cose che Allegri analizza nella lunga intervista rilasciata a SkySport.

 

La Juventus è il prossimo avversario della Sampdoria e già da domani si eseguiranno gli esami strumentali per sapere le condizioni dell’attaccante argentino, infortunatosi questa sera e che potrebbe non esserci contro i blucerchiati: «È stata una partita dove la Juventus ha fatto una buona gara. Abbiamo subito due tiri verso la porta di cui uno era quello di Locatelli. Il primo tempo potevamo fare meglio in area dopotutto il Milan sta facendo bene, hanno la cattiveria giusta per difendere i risultati. Poi ci sono le partite dove ti meriti di vincere e perdi e viceversa. Dispiace uscire sconfitti da San Siro, è già la seconda volta. Ma adesso non ci pensiamo, pensiamo già a mercoledì alla partita contro la Sampdoria. Dobbiamo vincere le prossime quattro.

 

Quello che dispiace è il momento di confusione che c’è stato. Noi pensavamo che fosse gol, poi c’è stato tolto. Dobbiamo pensare a riprendere il nostro cammino. Sul gol dovete domandare all’arbitro. Non ho idea di chi abbia preso la decisione, ormai tanto è annullato. Domani ho dato un giorno di riposo ai ragazzi perché se ci vediamo arrabbiati è anche peggio. Finché avevamo in campo Dybala avevamo alcune caratteristiche, con Cuadrado ne avevamo delle altre. La sensazione dalla panchina era che non rischiassimo di subire gol, poi loro hanno anche dei meriti in questa vittoria. Io penso che abbiamo fatto una partita ordina, una prestazione ben giocata a centrocampo per cui mercoledì dobbiamo tornare a vincere».

Condividi
Articolo precedente
Verso Juve – Sampdoria: ripresa immediata in vista dei bianconeri
Prossimo articolo
Barzagli: «Giusto analizzare questa sconfitta e continuare a lavorare»