30 anni e non sentirli: 1986, Empoli schiacciato da Vialli, Salsano e Mancini

© foto www.imagephotoagency.it

Torniamo con “30 Anni e non sentirli” e lo facciamo per raccontare una bellissima partita che la Sampdoria gioca e vince contro l’Empoli

Il problema della Sampdoria di Boskov, all’inizio del campionato 1986/1987, non era esprimere un buon gioco, quello si vedeva ad ogni partita, era riuscire a centrare la porta, come vi abbiamo raccontato nelle precedenti uscite di “30 Anni e non sentirli“. Aveva difficoltà a concretizzare le azioni di attacco in modo tale da portare a casa il risultato. Insomma un punto in comune con la Sampdoria di Giampaolo. La partita giocata contro l’Inter a Milano, alla sesta giornata del campionato 1986/1987, aveva messo in luce come la squadra blucerchiata pur avendo espresso miglior gioco degli avversari era uscita sconfitta per un rigore concesso e realizzato da Passarella. La settima giornata invece, vede i blucerchiati tornare a giocare tra le mura di casa, l’avversario è l’Empoli di Salvemini.

TRE GOL SCHIACCIANO L’EMPOLI – Boskov ripropone la squadra vista in campo contro i nerazzurri: Bistazzoni tra i pali, verrà poi sostituito da Bocchino nel secondo tempo, Mancini, Paganin, Fusi e Vierchowod, Pellegrini, Pari, Cerezo, Salsano, Mancini e Vialli. La squadra toscana viene da un filotto di risultati negativi: a parte la vittoria alla prima giornata contro l’Inter per 1-0 e quella successiva contro l’Ascoli, ha perso contro Juventus, Atalanta, Torino e Milan. Quattro punti e voglia di salire a sei, per farlo, ovviamente, bisogna battere la Sampdoria.  La partita si mette subito in discesa per i blucerchiati che fanno capire esattamente che non vogliono uscire battuti tra le mura di casa. Mancini è l’autore della prima rete per la Sampdoria. I blucerchiati si guadagnano un corner: va a a battere Salsano, offre a Mancini un pallone delizioso che l’attaccante non spreca e deposita alle spalle di Drago al 10 minuto di gioco. Sarà di nuovo Salsano a uccellare il portiere dell’Empoli, cross in area su cui non arriva nessuno, sponda per il centrocampista che a pochi passi dalla porta non sbaglia. La Sampdoria si porta sul 2-0 a cinque minuti dalla fine del primo tempo. Nessuna timida reazione da parte dell’Empoli di Salvemini. Si ritorna in campo per la seconda frazione di gioco ed è sempre la Sampdoria a tenere la palla: il tre a zero arriva da un assolo di Vialli. L’attaccante non è al meglio fisicamente ma entra in area e fa secco il portiere dell’Empoli con un diagonale rasoterra preciso ed efficace. L’ultima partita di ottobre si chiude con il ritorno alla vittoria della Sampdoria, che sembra essersi ritrovata soprattutto nel cinismo sotto porta e soprattutto con il duo Mancini – Vialli sempre più in sintonia e affamato di gol. L’ottava giornata i blucerchiati saliranno a Brescia per affrontare la squadra di Giorgi, ma questa è un’altra storia e la si dovrà raccontare un’altra volta.

Precedente: Inter-Sampdoria
Successivo: Brescia-Sampdoria

 

Articolo precedente
“Garra” Samp: regina dei contrasti vinti in campionato
Prossimo articolo
Qualificazioni U21, Praet e il Belgio: servono due vittorie per Polonia2017