30 Anni e non sentirli: 1987, Samp macina punti, pareggio ad Empoli

30 Anni e non sentirli
© foto www.imagephotoagency.it

Con “30 Anni e non sentirli” ripercorriamo il cammino della Sampdoria fino allo scudetto: oggi raccontiamo la 7.a giornata di ritorno del 1986/1987

La macchina del tempo di “30 anni e non sentirli” ha impostato la data del 15 marzo 1987, il luogo è lo stadio Castellani di Empoli e i protagonisti sono i ragazzi di Vujadin Boskov impegnati nella settima giornata del girone di ritorno. La Sampdoria nelle quindici giornate di andata aveva messo insieme un totale di 15 punti, praticamente un punto a partita, nel girone di ritorno era partita subito forte mettendo nel sacco sette punti in sei gare disputate. Con lo spirito combattivo di sempre si presentò in casa dell’Empoli di Salvemini con l’animo da battaglia e la voglia di portare via un risultato positivo. Dopo la vittoria contro l’Inter, che di fatto chiuse la porta ai nerazzurri per lo scudetto, Boskov decide di ripresentare quasi totalmente la formazione scesa in campo nel precedente incontro con un unico cambio nell’undici iniziale: Bistazzoni, Pellegrini, Mannini Fusi, Vierchowod, Gambero al posto di Pari, Briegel, Salsano, Cerezo, Vialli e Mancini. Per quanto riguarda Salvemini invece due giocatori diversi rispetto all’undici della partita di andata, tra i pali Giulio Drago, poi Vertova, Lucci, Gelain, Urbano, Della Scala, Della Monica, Cotroneo, Baiano e Ekstrom. La squadra toscana non naviga in acque sicure e infatti si salverà proprio con un punto di differenza dal Brescia che sarà retrocesso con 22 punti totali, la squadra segna poco, ha messo solo sei palloni in rete nel girone di andata e non andrà diversamente in quello di ritorno. Nel match giocato ad ottobre la Sampdoria, tra le mura di casa, ha fatto raccogliere a Drago ben tre palloni nel sacco e lo scopo nemmeno tanto celato dei ragazzi di Salvemini è quello di arroccarsi in difesa e a centrocampo per portare almeno a casa il pareggio dopo la sconfitta a Milano per 0-1. La partita non si discosta molto da questo andamento, squadre contratte nel primo tempo, qualche tentativo da parte dei blucerchiati che però non riescono a trovare la via del gol, Salvemini è costretto ad un cambio già dopo i primi sette minuti di gioco, fuori Della Monica dentro Walter Mazzarri. Tanto gioco a centrocampo, qualche sortita offensiva dell’Empoli che ci prova a rendersi pericolosa, soprattutto da calcio piazzato, ma il primo tempo si chiude sul risultato di 0-0. Le squadre si ripresentano sul terreno di gioco sostanzialmente invariate, ma è di nuovo l’Empoli ha effettuare un cambio nei primi minuti del secondo tempo, esce Mazzarri ed entra Carboni. La Sampdoria rimane compatta e nessuno dei nove calci d’angolo porta ad un gol, il settore blucerchiato è affollatissimo, sono in tanti ad essere scesi per sostenere la squadra in trasferta. Quasi alla fine del secondo tempo Boskov decide di chiamare in panchina Gambaro per inserire un altro attaccante, Pino Lorenzo, ma il risultato non cambia e le squadre tornano negli spogliatoi con un punto a testa. Per la Sampdoria non è un risultato negativo, è la sua prima partita ad Empoli e dopo questa gara si andrà ad affrontare, tra le mura di casa, il Brescia in lotta per non retrocedere. Ma questa è un’altra storia e la si dovrà raccontare un’altra volta.

Precedente: Sampdoria – Inter
Successiva: Sampdoria – Brescia

Articolo precedente
cigarini sampdoriaPalermo-Sampdoria, le probabili formazioni
Prossimo articolo
palermo-sampdoriaGiampaolo in conferenza: «Djuricic sarà titolare. Anche in attacco cambierò»