Adrien Silva: «Sampdoria, mi hai conquistato» – VIDEO

Adrien Silva si presenta alla Sampdoria: gli obiettivi, la scelta, i consigli di Bruno Fernandes e l’amicizia con Keita Balde

Adrien Silva si presenta alla Sampdoria. Il nuovo centrocampista blucerchiato ha rivelato ai media ufficiali del club le sue sensazioni a pochi giorni dal suo arrivo a Genova.

SAMPDORIA – «Ho scelto la Sampdoria perché è un club con una storia molto importante dove sono arrivati grandi campioni, ma anche per l’interesse che ha dimostrato per me. È stato molto importante per me avere vedere questa voglia di avermi qui. Il presidente Massimo Ferrero e l’allenatore mi hanno voluto fortemente ed è stato decisivo nella mia scelta. Vedere questa voglia è stato veramente determinante perché ciò che voglio è tornare a sentirmi importante, giocare ed essere competitivo».

RANIERI – «Ranieri aveva già provato a prendermi quando ero allo Sporting Lisbona ma sfortunatamente le cose non andarono bene. La volontà di riprovarci quattro anni dopo è un segnale del fatto che apprezza le mie qualità e sa che posso portare qualcosa, per questo sono grato dell’opportunità e proverò a dare il mio meglio».

OBIETTIVI – «Il mio obiettivo è dare allegria a chi guarda la partita, dare tutto per la squadra e scarificarmi sempre per i compagni perché le individualità possono aiutare ma è la squadra a risolvere le cose».

VITA – «Fuori dal campo Adrien è una persona molto riservata alla quale piace soprattutto vivere insieme alla famiglia: la vita famigliare è importante affinché io possa esprimermi al meglio in campo, con la testa libera».

NUMERO – «Ho scelto il 5 perché sono abituato a cambiarlo quando mi trasferisco, è una decisione che prendo sempre in famiglia con i miei figli e mia moglie. Mia moglie è nata il 5 maggio, ha convinto me e i miei figli a scegliere questo numero che rappresenta la famiglia e ciò che voglio».

KEITA – «Con Keita abbiamo già giocato un anno insieme, è un grande professionista. Ci troviamo molto bene, mi aiuterà a imparare l’italiano e mi spiegherà la mentalità che c’è qui. E sicuramente aiuterà il gruppo a vincere le partite».

FERNANDES – «Ho parlato con Bruno Fernandes quando ho ricevuto l’offerta della Sampdoria, gli ho fatto qualche domande sul club e sulla città. Aspetti molto importanti quando si tratta di prendere una decisione del genere. Mi ha detto solo cose buone mi ha aiutato molto nella mia scelta».

GENOVA E IL FUTURO – «Ho già avuto modo di visitare la città e conoscerla meglio. La presenza del mare fa si che la cultura sia simile a quella portoghese. Sono molto positivo se penso a ciò che può essere il futuro, ho vissuto molte esperienza in vari paesi ed è una bella cosa conoscere nuove culture perché ti arricchisce e per questo motivo guardo tutto in modo positivo. Quello che mi aspetto è che le cose vadano come spero, vorrei sentirmi vivo, importante, tornare a sentire l’allegria di giocare e fare ciò che amo di più: sentire questa passione dentro di me, competere al meglio in un campionato dal livello molto alto e realizzare quello che sogno».