Allegri: «La Samp sogna di battere la Juventus»

Allegri conferenza
© foto Sampnews24

Allegri in conferenza stampa per commentare la partita di domani al Ferraris

Alla vigilia di Sampdoria – Juventus, in programma domani alle 15:00, mister Allegri è intervenuto per la consueta conferenza stampa al Media Center di Vinovo, per commentare il match. L’ambiente bianconero è ancora scosso dallo sfortunato sorteggio di Coppa dei Campioni, che ha visto la Juventus accoppiata al Barcellona, non certo un avversario abbordabile. Sul match pesa ancora la delusione per la finale del 2015, quando i bianconeri furono sconfitti dai Blaugrana per 3-1. Il tecnico non sembra comunque temere il confronto. Prima di pensare all’Europa però, la Juve dovrà concentrarsi sul consolidare il proprio vantaggio in campionato, con i blucerchiati che domani faranno di tutto per impedirglielo. La Samp giunge infatti al match contro la capolista con il morale a mille, dopo il trionfo del Derby della Lanterna; si prospetta dunque una sfida interessante. Qui di seguito un estratto dell’intervista del mister bianconero:

«Domani troviamo una squadra che viene da sette partite in cui ha ottenuto cinque vittorie e due pareggi» con queste parole Allegri comincia la propria conferenza «La Samp è in un ottimo periodo di forma: ha battuto la Roma, ha vinto in trasferta col Milan e domenica ha vinto il Derby. Proprio per questo domani sarà necessario giocare con concentrazione, come abbiamo fatto negli ultimi incontri». Qual è, secondo lei, il punto di forza dei blucerchiati? E a cosa bisognerà prestare attenzione domani? «Bisogna innanzitutto pensare a noi stessi e a scendere in campo con serietà, perché la Samp giunge al match con entusiasmo. La squadra è guidata da un allenatore che è bravissimo, e che ha dato ai blucerchiati un’impostazione tattica impeccabile. La Samp, dopo il derby, vorrà coronare un altro sogno, che è quello di battere la Juventus. Dobbiamo porci al loro stesso livello e impedirglielo».

Su Chiellini: «Chiellini non sarà in campo, anche se è a disposizione. Non sta ancora bene, e tra l’altro non va nemmeno in nazionale. Cercheremo di recuperarlo al meglio, nella condizione ottimale, magari sfruttando proprio la sosta. Gli altri invece stanno tutti bene, ma non ho ancora deciso se scenderà in campo Bonucci o Rugani, accanto al confermato Barzagli». La partita di domani è potenzialmente insidiosa, teme che possa arrivare un risultato a sorpresa, come era successo a Udine? «Si tratta di una partita diversa e di squadre diverse: i blucerchiati sono meno fisici, ma molto più tecnici e rapidi. Il valore aggiunto della Samp sta in alcuni giocatori, che possono cambiare la partitada soli. Giocare a Marassi è sempre complicato, e domani mi aspetto dai blucerchiati una partita di grande intensità».