Allenamenti Serie A, è tensione tra giocatori e club: i motivi

ranieri allenamenti coronavirus Sampdoria
© foto SampTV

Allenamenti Serie A, sale la tensione tra i giocatori e i rispettivi club. Alla base la loro tutela sugli stipendi in caso di stop definitivo

Allenamenti individuali, ma volontari. Questo assunto ha creato dei dubbi nella testa di molti giocatori di Serie A. Alcuni di loro hanno avanzato delle spiegazioni all’Aic sul significato. Molti calciatori hanno inviato una lettera ai club, scrivendo che torneranno ad allenarsi ma che lo fanno per interesse dei club, non per scelta autonoma.

Come scritto dal Corriere dello Sport, in sostanza vogliono tutelarsi, perché in caso la stagione non vada a termine hanno paura che i club possano tagliare lo stipendio anche per questo periodo di attività su base volontaria. La lettera serve quindi a certificare la prestazione effettuata tra il 4 maggio e il 18 maggio. Ovviamente tutto potrà poi essere regolamentato dal protocollo federale, che è ancora in via di definizione.