Andersen sincero: «Felice alla Samp, ma se capita l’occasione…»

andersen sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Prima stagione da titolare, bilancio positivo. Ma Andersen non si nasconde: «La mia ambizione? Giocare in un top club»

Joachim Andersen ha concluso la sua prima stagione da titolare alla Sampdoria e ora è impegnato con la nazionale danese Under 21 in vista dell’Europeo, in programma a San Marino dal 16 giugno. Il difensore blucerchiato, ai taccuini di Tipsbladet, rivela le sue sensazioni riguardo il mercato e la possibilità di approdare in Premier League: «Da titolare ti senti più parte della squadra, e hai l’opportunità di metterti in mostra, cosa che non hai quando non giochi. C’è un maggiore interesse intorno a te, una maggiore attenzione. Questa è chiaramente la più grande differenza tra riserva a titolare. La visibilità? In Italia la gente ama il calcio, quindi quando vai al ristorante o per strada, la gente ti riconosce. Ho ricevuto solo commenti positivi in strada, è stato bello. Quando sei fuori a mangiare, ottieni sempre prezzi migliori degli altri. È importante essere buoni amici con i proprietari dei ristoranti». 

Manchester United, Tottenham e Arsenal hanno chiesto informazioni. Andersen è lusingato e felice: «Ho giocato una stagione in Serie A che mi ha fatto crescere molto e ho appena firmato un nuovo contratto. Con la Sampdoria posso crescere molto facilmente. Sono molto felice qui, ma la mia ambizione è anche quella di giocare per uno dei più grandi club del mondo. Quando vedi i club ai quali ti associano, ti rende incredibilmente felice. Ti dà molto coraggio. Se l’occasione arriva, allora arriva. Altrimenti, amo la Sampdoria e posso crescere ancora di più. Cambio di procuratore? Si deve sempre creare le migliori condizioni per se stessi. Devi circondarti di persone che possano aiutarti in un modo che non potresti fare da solo. Questo è quello che sto cercando di fare sempre. Ottimizzare alcune piccole cose. Quindi, ovviamente, è necessario lavorare con i migliori».