L’appello di Mantovani: «Il derby sia un momento di riflessione»

enrico mantovani
© foto www.imagephotoagency.it

L’appello dell’ex presidente Enrico Mantovani: «Il derby sia un momento di riflessione per la tragedia vissuta dalla città di Genova»

Domenica alle 20.30, tra le mura del “Ferraris”, andrà in scena il 117esimo Derby della Lanterna. Un momento di festa sugli spalti, di grande rivalità in campo, ma anche di commemorazione per le 43 vittime che il crollo del ponte Morandi ha causato poco più di 3 mesi fa. L’ex presidente della Sampdoria Enrico Mantovani, in un’intervista rilasciata a La Gazzetta dello Sport, ha lanciato un appello proprio per non far passare in secondo piano il dolore causato a Genova e ai suoi abitanti dalla tragedia: «In un simile momento di difficoltà per tanta gente, capisco che le mie parole abbiano poco significato. A chi in prima persona ha pagato il crollo del Morandi, servono gesti concreti per rialzarsi. Il derby di domenica non sarà il primo evento sportivo dopo la sciagura, ma la prima stracittadina in cui tutta Genova si ritroverà allo stadio: spero che questa possa essere l’occasione per un momento di riflessione da parte di entrambe le tifoserie».

«Una tragedia avvenuta in agosto – ricorda Mantovani, figlio dello storico presidente blucerchiato Paolo – con la città in vacanza, e che ha provocato sofferenza e dolore per tanta gente, a cominciare da chi lì sul ponte ha perso i propri cari. Eppure la città ha reagito in modo eccellente: chi ci vive e ci lavora sa troppo bene che sarebbe stato impossibile fare più di quanto l’amministrazione è riuscita a ottenere in questi mesi. Ci sono aziende che stanno soffrendo, altre costrette a chiudere o a trasferirsi. Io stesso ho dovuto rivedere alcuni progetti professionali. Questa cicatrice che per tanto tempo non si potrà rimarginare – ha concluso – anche se spero che sia un derby di gioia».

Articolo precedente
derbyDerby della Lanterna, i gol più belli: ecco chi ha fatto la storia
Prossimo articolo
viviano sampdoria genoaViviano rimpiange i derby: «Samp, non volevo andarmene»