Giampaolo: «Non temo favoritismi o compensazioni»

Giampaolo Sampdoria
© foto Mg Genova 12/08/2018 - Coppa Italia / Sampdoria-Viterbese / foto Matteo Gribaudi/Image Sport nella foto: Marco Giampaolo

Atalanta-Sampdoria, Giampaolo presenta in conferenza stampa le tematiche legate alla sfida in trasferta contro la squadra di Gasperini

ATALANTA-SAMPDORIA IN STREAMING

Atalanta-Sampdoria è l’ultima sfida di un ciclo di partite importanti e ravvicinate per la squadra di Marco Giampaolo. Il tecnico della Sampdoria presenta in conferenza stampa i temi legati alla sfida, in programma domenica 7 ottobre alle ore 15.00, tra le mura dello stadio “Atleti Azzurri d’Italia”. Si inizia dai tanti convocati in Nazionale: «Undici convocati nelle nazionali sono una soddisfazione innanzitutto per i calciatori. Siccome sono tanti diventa una soddisfazione collettiva. È contento il club, è entusiasta l’ambiente. È una nota di merito. Il peso che poi i nazionali possono dare al club può essere determinante: respirano calcio ad alto livello ed è un valore aggiunto per la squadra».

«L’ambiente di Bergamo non mi preoccupa. Non credo alle compensazioni. Tutti i professionisti che ruotano attorno al mondo del calcio non penso operino in questa ottica. Non temo favoritismi a vantaggio dell’Atalanta. La partita è difficile perché l’Atalanta è una squadra forte, hanno lottato in Europa League con un ottimo piazzamento nella scorsa stagione. Sono cambiati i calciatori, ma la mentalità è stata consolidata. La rispetto perché è una squadra forte. L’Atalanta è una squadra con qualità e forza fisica. Ti fa giocare poco. Hanno un’ottima gestione della palla. Con le squadre di Gasperini è sempre difficile giocare, lui sa alterare gli equilibri degli avversari. Abbiamo le nostre esperienze passate, non è una squadra semplice da affrontare. Noi l’abbiamo preparata per fare bene, poi ovviamente i valori individuali possono spostare gli equilibri in una partita: tipo Ilicic per l’uno contro uno».

«Riguardo alla difesa, sono poche le partite giocate per poter fare una valutazione. Il dato positivo lo prendiamo ma non è definitivo, gli avversari forti ci faranno capire quanto forti siamo noi. Andersen sta bene fisicamente e mentalmente, Tonelli non giocava da un paio di anni e Colley è arrivato con la necessità di integrarsi come in passato è stato per il danese: giocò solo tre gare nella scorsa stagione, va ricordato. Ho ruotato Tonelli e Colley considerando il momento di forma mentale, fisico, agonistico. Ferrari è in crescita, si allena bene. La crescita di Murru è da ricondurre alla disponibilità del giocatore di lavorare in maniera seria. È cresciuto perché è maturato mentalmente, ma deve ancora crescere. La strada che ha intrapreso è giusta. Tavares rispetto all’inizio sta migliorando, mi piace di più ora. Prima era molto “brasiliano”, interpretava tutto in maniera ludica e divertente. L’ho visto più determinato, con più orgoglio. Defrel sta bene, è disponibile, non ha avuto problemi alla caviglia. Saponara è pronto, gli manca di stare insieme alla squadra: non è ancora convocato, ma conto di averlo per la prossima partita. Forse si sarebbe potuto anticipare, ma non abbiamo voluto rischiare».


VUOI RESTARE AGGIORNATO SULLA SAMPDORIA? SCARICA LA NOSTRA APP!

Articolo precedente
Gasperini alza la guardia: «La Samp è pericolosa, gioca bene»
Prossimo articolo
BereszynskiBereszynski tesoretto per la Samp: ma spunta una clausola