Bereszynski sta bene alla Samp: «Ma sogno la Premier League»

Bereszynski
© foto www.imagephotoagency.it

Bereszynski elogia la Sampdoria e guarda al futuro: «Chi mi vuole dovrà spendere almeno 12 milioni»

Bartosz Bereszynski non nasconde la soddisfazione di essere un calciatore della Sampdoria. In una lunga intervista rilasciata ai microfoni di sport.pl, il difensore polacco fa il punto sulla sua carriera: la scelta di venire alla Sampdoria, Marco Giampaolo “guru” della tattica e la difficoltà degli allenamenti: «In Italia ho migliorato il mio gioco difensivo, soprattutto nell’uno contro uno. Dopo un anno e mezzo mi sento un giocatore migliore. Venire alla Sampdoria è stata la scelta migliore possibile. Sono felice perché è stata una scelta pienamente consapevole. Quando, nel gennaio del 2017, lasciai il Legia Varsavia avrei potuto andare perfino all’Aston Villa. Ma ho scelto la Sampdoria e come difensore non avrei potuto trovare di meglio. Marco Giampaolo è un maniaco della tattica. Controlla, fa diagrammi, ci divide in gruppi. E tutto senza l’utilizzo del pallone. E non lo fa una volta alla settimana, ma tutti i giorni: decine di minuti di movimento in campo senza il pallone. A nessuno piace particolarmente, è un lavoro molto noioso. Ma i suoi effetti li vedi durante le partite, vinci con il Napoli e allora pensi che ne valeva la pena correre per ore».

La voglia di approdare in un campionato come la Premier League c’è, ma non la fretta: «Il mio futuro? Ho sempre desiderato giocare in Premier League. È difficile arrivarci direttamente dal campionato polacco, ma la Serie A è un campionato molto buono per prepararti al salto. Mi sento pronto, ma non ho fretta di trasferirmi. La Sampdoria è un posto fantastico in cui crescere, dove fare altri passi avanti. Se si guarda alla politica dei trasferimenti, la Samp vende in una sessione di mercato due o tre dei suoi giocatori migliori per decine di milioni di euro. Il mio obiettivo è quello di arrivare giocare ad un livello ancora più alto, possibilmente in Inghilterra. Non ho fretta perché alla Sampdoria abbiamo una bella squadra e molto da vincere. Se qualcuno mi vorrà comprare probabilmente dovrà sborsare almeno 10-12 milioni di euro perché la Sampdoria non mi venderà mai per meno».

Articolo precedente
saponara sampdoriaSampdoria in ansia: si allungano i tempi per Saponara
Prossimo articolo
mustafiMustafi non ha segreti: «Vi racconto la mia vita alla Samp»