Protocollo FIGC bocciato: priorità a tamponi, test e visite

stadi serie a
© foto www.imagephotoagency.it

Bocciato il protocollo FIGC per la Serie A: la FMSI invierà le proprie raccomandazioni. Preoccupazione per l’inizio degli allenamenti

Le tabelle INAIL hanno posto l’attenzione sulle categorie a rischio contagio e i calciatori sono una di queste. Il protocollo della commissione medico scientifica della FIGC per la Serie A è stato bocciato e dovrà essere corretto. La FMSI, federazione medici sportivi, presenterà al Ministro della Salute Roberto Speranza le proprie raccomandazioni in vista della ripresa.

Come riporta Repubblica, per tornare ad allenarsi in gruppo il 18 maggio sarà obbligatorio effettuare prima test sierologici e tamponi, oltre a visite mediche approfondite simili all’idoneità agonistica. Per gli allenatori il dubbio è che i giocatori, dopo la lunga inattività, rischino seri infortuni. Servirà una preparazione atletica di almeno tre settimane. Più i tempi si allungano più il rischio playoff diventa concreto.