Connettiti con noi

Hanno Detto

Capello: «Escludiamo i non vaccinati. Plusvalenze? Le fanno tutti»

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Fabio Capello ha fatto il punto della situazione sul campionato di Serie A in una lunga intervista a La Gazzetta dello Sport

Fabio Capello ha fatto una lunga disamina del campionato di Serie A, dell’emergenza Covid e della lotta per lo Scudetto ai microfoni della Gazzetta dello Sport.

COVID – «Credo sia giusto escludere i non vaccinati. Non vaccinarsi è un atto di egoismo. Bisognerebbe togliere loro parte dello stipendio. Non credo che comunque il Covid possa mutare gli equilibri. Chi lo ha preso da vaccinato l’ha passato in forma leggera».

MILAN-ROMA E JUVENTUS-NAPOLI – «Partite fondamentali. Per alcune squadre, se la distanza aumentasse, diventerebbe difficile recuperare».

PLUSVALENZE – «Di cose finanziare non ne capisco molto. Dico solo che si è sempre fatto e dappertutto. Ma spesso queste non muovono denaro vero».

VLAHOVIC – «E’ già pronto. Ha l’energia e la cattiveria del campione. Temo che potremo vederlo in campionati più ricchi del nostro».

INSIGNE – «Non credo che nel girone di ritorno cambierà il suo modo di giocare. Ha stimoli importanti da napoletano anche dovesse accettare l’offerta di Toronto».

MILAN – «Al Milan serve un difensore, visto l’infortunio di Kjaer. Comunque la squadra mi sembra in ripresa».

NANDEZ-INTER – «Un giocatore in più aiuta ad essere competitivi, ma i nerazzurri sono già forti. Inzaghi è stato bravissimo e hanno inserito giocatori funzionali mantenendo invariato l’assetto».

LUKAKU – «Queste cose non mi piacciono mi sanno di paraculismo».

ROMA-LAZIO – «Hanno bisogno di tempo. Mou e Sarri non possono fare miracoli. Se chiedono dei giocatori significa che la rosa non è all’altezza. Per criticarli c’è da aspettare il prossimo anno».

COPPA D’AFRICA – «Osimhen non andrà e intanto per gennaio hanno preso Tuanzebe. Si stanno muovendo bene non credo che potrà influire tanto sul Napoli. Se resistono a gennaio si dovrà fare i conti anche con loro per lo scudetto».

ATALANTA – «La garanzia è Gasperini che conosce bene i giocatori. Boga può essere la pedina importante. I nerazzurri possono lottare per il vertice».

ITALIA – «Mancini deve augurarsi di avere solo problemi di scelta. Se tornano in forma Spinazzola, Zaniolo e Verratti i favoriti restiamo noi. Mondiale? Non voglio pensare non dovessimo andare. Sarebbe una brutta botta per il movimento. E penserebbero tutti che l’exploit avuto all’Europeo sia stato solo un colpo di fortuna».

Advertisement

News

Advertisement