Cassano parla da genovese: «Chi di dovere si dia una mossa»

cassano notte del maestro
© foto www.imagephotoagency.it

L’ex blucerchiato Cassano sul crollo di ponte Morandi: «Per noi genovesi è stato un brutto colpo. Chi di dovere si dia una mossa»

A quasi tre mesi dal crollo di ponte Morandi, l’Italia questa sera disputerà un’amichevole contro l’Ucraina proprio al “Ferraris”, allo scopo di raccogliere fondi a favore degli sfollati e delle famiglie delle vittime. Una tragedia che ha toccato profondamente i genovesi e anche chi, almeno sulla carta d’identità, genovese non lo è. Come Antonio Cassano, ex fantasista della Sampdoria, nato a Bari ma ormai da anni affezionato al capoluogo ligure, dove abita con sua moglie Carolina: «Quando ho visto il Ponte Morandi in quelle condizioni mi sono sentito male – ha dichiarato a Sky Sport – io mi sento genovese e per noi genovesi è stato un brutto colpo. Quello della Nazionale è stato un gesto bellissimo, ora spero che chi di dovere si dia una mossa perché così Genova non può andare avanti», l’appello di Cassano.