Cessione Samp, si riapre uno spiraglio grazie a Garrone

garrone sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

L’ex presidente della Sampdoria svolge un ruolo da intermediario nella trattativa tra Ferrero e Vialli. Ma la distanza economica è evidente

«La trattativa è chiusa, è andata malissimo. Non ci sarà nessun secondo incontro». Parlava così Massimo Ferrero lo scorso 22 maggio, di ritorno dal viaggio a New York che sarebbe stato decisivo per la cessione della Sampdoria. La distanza economica tra l’offerta del gruppo di Gianluca Vialli (65 milioni di euro più alcuni bonus legati al piazzamento in Europa) e la domanda (100 milioni di euro cash) è evidente e risulta difficile da colmare in uno scenario divenuto ormai gioco di posizione.

Come riporta il Secolo XIX, però, non tutte le speranze si sono affievolite. A svolgere un ruolo fondamentale tra le parti è Edoardo Garrone, di frequente allo stadio “Ferraris” per assistere agli impegni casalinghi dei blucerchiati. L’ex presidente sarebbe l’intermediario dell’operazione, lo stesso che ha riacceso i contatti dopo alcuni giorni di gelo e tensioni. Intanto Ferrero pensa al calciomercato e alla prossima stagione, senza la necessità di cedere la “sua” Sampdoria.