Che fine hanno fatto i giocatori della Champions: i portieri

© foto www.imagephotoagency.it

Che fine hanno fatto i protagonisti della stagione della Champions blucerchiata? Iniziamo a scoprirlo partendo dai portieri

Nella stagione 2009/10 hanno fatto gioire decine di migliaia di tifosi blucerchiati, portando una Sampdoria che ad inizio anno aveva l’ambizione massima del settimo-ottavo posto ad una storica qualificazione ai preliminari di Champions League: sono, appunto, i giocatori blucerchiati di quella Sampdoria targata Gigi Del Neri, una squadra vera che, eccezion fatta per i “Gemelli del Gol”, non contava su fuoriclasse ma su discreti giocatori ottimamente diretti da un allenatore che aveva trovato la sua giusta dimensione in quel di Genova. Già, ma a distanza di ben otto anni, che fine hanno fatto i protagonisti di quella meravigliosa cavalcata? Iniziamo a rispolverare l’album dei ricordi partendo dai guardiani dei pali blucerchiati, i portieri.

1. Luca Castellazzi

Giocò tutte le partite di quella stagione fino all’infortunio al ginocchio che lo costrinse a chiudere anzitempo la stagione. Dopo la scadenza del contratto con la Samp, Castellazzi si è prima accasato all’Inter e poi al Torino. Ritiratosi nell’estate del 2016 ha intrapreso la carriera di dirigente restando all’interno della società piemontese, per la quale ricopre attualmente il ruolo di team manager.

2. Marco Storari

L’infortunio a Castellazzi portò la società blucerchiata ad affidare la porta a Marco Storari, che giocò una seconda parte di stagione davvero mostruosa. La dirigenza, l’anno successivo, preferì investire su Curci piuttosto che su Storari, che restò al Milan. Da qui fu poi acquistato dalla Juventus, con la quale ha vinto diversi scudetti, e poi dal Cagliari. Dal giugno 2017 è tornato al Milan, dove ricopre il ruolo di terzo portiere alle spalle dei fratelli Donnarumma.

3. Matteo Guardalben

Il portiere arrivato dal Palermo per ricoprire il ruolo di terzo non giocò mai una partita ufficiale in stagione. Dopo l’euforica esperienza alla Sampdoria si trasferì al Modena, dove giocò ancora qualche anno prima di ritirarsi definitivamente nel 2012.

4. Mario Cassano

Quell’anno la Sampdoria aveva anche un quarto portiere, Mario Cassano. Anch’egli mai entrato in campo in gare ufficiali, dopo l’esperienza a Genova trovò squadra a Piacenza, prima di ricevere una squalifica complessiva dal calcio di sei anni e tre mesi per illecito sportivo riguardante l’inchiesta condotta dal procuratore federale Stefano Palazzi nell’estate del 2011.