Colley, fisico e vizio del gol: chi è il nuovo centrale della Sampdoria

Colley Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Omar Colley, difensore fisico col vizio del gol: numeri e curiosità sul nuovo centrale della Sampdoria – FOTO

La Sampdoria è pronta ad accogliere il suo primo rinforzo di questa sessione estiva di calciomercato. Dopo mesi di corteggiamenti, finalmente la società blucerchiata è riuscita a strappare al Genk il cartellino del difensore centrale Omar Colley, che nella giornata di domani atterrerà a Genova e sosterrà le visite mediche di rito, per poi firmare un contratto quadriennale: un investimento importante, che ammonta a quasi 10 milioni di euro (7,5 milioni di parte fissa, più 2 milioni di bonus).

Colley nasce il 24 ottobre del 1992 a Banjul, la capitale del Gambia. Qui muove i primi passi da calciatore nelle giovanili del Wallidan e, dopo essere stato vicino a un trasferimento nella MLS americana, prosegue la sua carriera in patria tra le fila del Real de Banjul, squadra con cui vince anche il titolo nazionale nel 2012. L’approdo nel calcio europeo avviene nel gennaio successivo, quando passa al KuPS (prima divisione finlandese): due stagioni da titolare gli valgono le attenzioni dello Djulgarden, club svedese con cui colleziona 50 presenze e 5 gol in un anno e mezzo circa.

Ad agosto del 2016 arriva finalmente la chiamata da un campionato più impegnativo come quello belga: il Genk sborsa 2 milioni di euro e lo porta in Jupiter Pro League, in cui Colley debutta a novembre dopo aver già mostrato le sue qualità nelle qualificazioni di Europa League estive. Fra campionato, playoff e coppe, a fine stagione il centrale ha già racimolato 52 presenze e segnato ben 4 reti: nella stagione appena conclusasi, il gambiano ha quasi eguagliato il numero di gettoni (43), ma senza riuscire a ripetersi in termini realizzativi (1 gol siglato, contro il Waasland-Beveren alla penultima giornata).

I 192cm di altezza gli consentono di gestire difficoltà avversari di qualsiasi stazza, ma, come abbiamo visto, spesso questa caratteristica si è rivelata utile anche in fase realizzativa. Oltre al fiuto del gol, il suo fisico longilineo gli conferisce agilità e velocità, permettendogli di anticipare gli attaccanti. Di piede mancino, non di rado Colley si è visto avanzare fino alla linea di centrocampo per impostare la manovra, dote che ha fatto sicuramente breccia in Marco Giampaolo, con cui avrà tutta un’estate per prepararsi al meglio al debutto in Serie A.

Colley, inoltre, è da due anni il capitano della Nazionale gambiana, tra le cui fila milita da giugno del 2012: precedentemente, il classe ’92 aveva vestito la maglia del Gambia U17, con cui aveva vinto il campionato africano di categoria nel 2009. Il suo carattere è stato temprato dalla dolorosa morte della sorella Haddy nel 2015, mentre il fratello Joseph è anch’egli un calciatore, attualmente in forza al Chelsea U23. Musulmano convinto e praticante, il nuovo giocatore della Sampdoria si è spesso esibito in esultanze inneggianti ad Allah e, anche in questi caldi giorni di trattative, ha delegato tutte le questioni di mercato ai suoi agenti per viaggiare in Arabia Saudita fino alla Mecca.

1. Il nuovo centrale della Sampdoria

Game day motivation⚽️💪🏿 #SAMENGENK#PLAYOFF1#MYPRINCESS👸💙

A post shared by Omar Colley (@ocolley15) on

2. Il nuovo centrale della Sampdoria

Thanks for the memories 2016,let's go 2017 💪🏿💪🏿

A post shared by Omar Colley (@ocolley15) on

4. Il nuovo centrale della Sampdoria

All black everything

A post shared by Omar Colley (@ocolley15) on

5. Il nuovo centrale della Sampdoria

One step at a time ⚽️💙enjoy the weekend Genkies

A post shared by Omar Colley (@ocolley15) on

6. Il nuovo centrale della Sampdoria

Have a great weekend Genkies#sunshine☀️3p💙⚽️SamenGenk#

A post shared by Omar Colley (@ocolley15) on

8. Il nuovo centrale della Sampdoria

Umrah with Ally🕋🕋🙏🙏

A post shared by Omar Colley (@ocolley15) on

Articolo precedente
Regini sampdoriaRegini verso l’addio, l’agente: «C’è il Chievo». E sul Cagliari…
Prossimo articolo
ferrari sampdoriaScambio di Ferrari: dentro Alex, fuori Gian Marco