Colley scalpita: «Non vedo l’ora di iniziare». È ufficiale

colley sampdoria
© foto SampTV

Omar Colley passa alla Sampdoria: il comunicato ufficiale della società doriana. Le prime parole in blucerchiato

Dopo Alex Ferrari, finalmente arriva anche l’ufficialità del trasferimento di Omar Colley alla Sampdoria. Un po’ in ritardo, rispetto alle visite mediche, per un accordo di cortesia tra il Genk e la società doriana. Ecco il comunicato ufficiale: «Il presidente Massimo Ferrero e l’U.C. Sampdoria comunicano di aver acquisito a titolo definitivo dal K.R.C. Genk i diritti alle prestazioni sportive del calciatore Omar Colley». Il difensore centrale vestirà la maglia numero 15. Le sue prime parole da calciatore blucerchiato: «Nuovo capitolo, nuova città, nuova avventura, stessi obiettivi. Non vedo l’ora di iniziare e conoscere i miei nuovi tifosi. Sono molto felice di essere qui, è un’onore. Non vedo l’ora di conoscere i miei compagni di squadra, è un grande step per la mia carriera».

«Ho scelto la Sampdoria – continua ai microfoni di SampTV – perchè hanno avuto un approccio, mi hanno fatto dei discorsi e presentato un progetto fantastico. So che la Sampdoria che è un club con grande storia, dove hanno giocato grandi giocatori come Mancini, ho sentito molto parlare di lui. Ma ha anche sfornato giovani talenti come Skriniar. Ho studiato la storia di questo club e ho capito che questo era l’ambiente dove volevo giocarmi le mie carte. Sono un giocatore di carattere, sono concentrato sul mio lavoro di difensore, mi piace essere un leader nella squadra e trascinare la squadra ai suoi obiettivi. Ho scelto il 15 perché è il mio numero fortunato, ho iniziato con questo numero e penso che mi porti fortuna. Ovunque vado lo chiedo, è parte di me. Giampaolo può aiutarmi a migliorare, quando gli ho parlato mi ha convinto a venire a Genova. Massimo Ferrero ha fatto di tutto per portarmi qui e gli sono grato, così come sono grato a tutti i dirigenti che mi hanno portato qui».

1. La prima intervista

2. La prima foto in blucerchiato

3. Il numero di maglia

Articolo precedente
CarboniCarboni cuore blucerchiato: «Samp, torna a essere grande»
Prossimo articolo
kownacki poloniaNawalka si dimentica della Sampdoria: Polonia suicida contro il Senegal